Terremoto, sono 27 le scuole inagibili tra Ascoli, Macerata e Fermo

"Potremmo chiedere al Ministero di posticipare l'inizio dell'anno scolastico nelle zone terremotate", dicono dalla Regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

miurANCONA – “Fondamentale riaprire le 27 scuole chiuse. Potremmo chiedere al Ministero di posticipare l’inizio dell’anno scolastico nelle zone terremotate“. Lo annuncia il presidente della commissione Ambiente e Territorio in Regione, Andrea Biancani (Pd), al termine della riunione odierna a cui hanno partecipato, oltre agli altri gruppi consiliari, anche l’assessore regionale alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti, il direttore del centro funzionale Multi-rischi Maurizio Ferretti e la dirigente del servizio Salute Lucia Di Furia.

Un incontro che è servito per fare il punto sull’emergenza terremoto nelle Marche, che al momento conta 1.600 sfollati, 249 tende allestite e 400 volontari coinvolti e per definire le priorità nella gestione di questa fase. La prima è sicuramente la riapertura delle scuole. Sono 27 gli edifici scolastici al momento inagibili tra le province di Ascoli, Fermo e Macerata. “E’ al vaglio la possibilità di chiedere al ministero di posticipare l’inizio dell’anno scolastico nelle zone colpite dal terremoto- spiega Biancani- ma la riapertura delle scuole resta fondamentale perché insieme agli uffici comunali è un servizio strategico per ricreare lo spirito della comunità. Le scelte sulla collocazione delle strutture temporanee adibite a scuola saranno concertate con il territorio e con le amministrazioni locali”.

Il vicepresidente della commissione Sandro Bisonni (Gruppo Misto) ha sollecitato la Regione “a impegnarsi sul fronte della prevenzione e a monitorare con attenzione il recepimento di risorse adeguate“. Il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo (Pd) ha ricordato la riunione del 5 settembre a Roma di tutti i presidenti dei consigli regionali. “In quell’occasione- spiega Mastrovincenzo- sarà discussa anche l’ipotesi di istituire un tavolo inter-istituzionale permanente tra Camera dei deputati e Consigli regionali dedicato ai provvedimenti legislativi da predisporre per il post-terremoto”.

LEGGI ANCHE

Terremoto, Grasso: “Asciugare le lacrime e cominciare a ricostruire”

Ad Amatrice i funerali delle vittime del terremoto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»