hamburger menu

Di Maio: “Con Tabacci fondiamo ‘Impegno civico’. Nessun seggio blindato per me dal Pd”

Il ministro degli Esteri: "Sarà una forza politica riformatrice con una grande attenzione a transizione ecologica e digitale. Conte ha radicalizzato e isolato il M5S"

02-08-2022 10:52
di maio
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “La nuova formazione che presenteremo domani con Bruno Tabacci si chiamerà ‘Impegno civico‘ e rappresenta quel principio di responsabilità civica che anche Papa Francesco ieri ha evocato“. Lo dice il ministro degli Esteri e leader di Insieme per il futuro, Luigi Di Maio, a ‘Mezz’ora in più’ sui Rai 3. “Domani presenteremo programma e simbolo, ci saranno esponenti della società civile e amministratori locali – prosegue il ministro – sarà una forza politica riformatrice con una grande attenzione a transizione ecologica e digitale che sono gli assi del Pnrr”, con esponenti “del terzo settore, dello sport e dell’ecologia”.

LA SMENTITA SUL SEGGIO ‘SICURO’ A MODENA

Di Maio interviene anche sulle polemiche seguite all’indiscrezione del ‘Corriere della Sera’ su un seggio blindato a Modena preparato dal Pd per lui. “Smentisco l’esistenza. Entro il 14 agosto si devono presentare simboli e coalizione, poi le liste – osserva il ministro degli Esteri – e se non esiste una coalizione come si fa a trattare per i collegi?“.

DI MAIO: “CONTE HA FATTO DEL M5S UN PARTITO PADRONALE E L’HA ISOLATO”

A proposito del suo addio al M5S, Di Maio fa notare che “adesso è un partito padronale”, perché “Conte lo ha smantellato e ne ha fatto il suo partito, Grillo se ne è accorto e ora prova a intervenire”. Il leader pentastellato, osserva Di Maio, “è stato presidente del Consiglio e alla guida del M5S si pensava avrebbe fatto un percorso istituzionale e invece l’ha radicalizzato, e la radicalizzazione l’ha isolato. Oggi il partito di Conte è isolato”.

“SERVE COMMISSIONE D’INCHIESTA SUI RAPPORTI TRA RUSSIA E POLITICA ITALIANA”

Nella vicenda che lega alcune forze della politica italiana alla Russia “ci sono più ombre che luci”, e “i legami fra forze politiche, leader, mondi politici e economico-finanziari italiani e russi sono da accertare“, osserva Di Maio. Che dallo studio di Lucia Annunziata lancia una proposta: “All’inizio della nuova legislatura istituiamo una commissione di inchiesta che accerti i legami di leader e partiti politici italiani con mondi politici economici e finanziari russi”.

LEGGI ANCHE: Arriva sugli schermi ‘007 Salvini: dalla Russia con amore’

“Una commissione per indagare” sui rapporti con la Russia, “una commissione permanente, sempre non estingua il proprio scopo”, prosegue Di Maio, “facciamo una commissione di inchiesta e mettiamo il Parlamento a lavorare“, e “mi auguro possa esserci l’unanimità”.

“TUTTI I PARTITI SOSTENGANO IL TETTO AL PREZZO DEL GAS”

“Vorrei chiedere a tutti i leader di sottoscrivere una lettera alla Commissione Ue per sostenere il governo Draghi, in carica per gli affari correnti, al di là delle differenze politiche, per sostenere il governo Draghi sulla battaglia per il tetto al prezzo del gas“. È l’appello lanciato da Di Maio agli altri leader nel corso dell’intervista a ‘Mezz’ora in più’. Per il ministro degli Estri serve una lettera con le firme e l’impegno di tutti, perché “per dare forza al Governo le forze politiche devono unirsi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-02T10:52:50+02:00