Monitor Italia: cala il consenso per la Lega, il Pd si avvicina. Sale ancora Fratelli d’Italia

Cala la fiducia degli italiani nel governo Conte 2 dopo l'exploit registrato la scorsa settimana post Consiglio europeo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Lega continua a perdere consenso tra gli italiani nella settimana in cui Salvini viene mandato a processo per il caso Open Arms. Piccola perdita anche per il PD, che però vede assottigliarsi lo svantaggio dal Carroccio. Guadagnano terreno invece gli altri a ridosso dei due primi partiti. E’ quanto emerge dal sondaggio di Monitor Italia, nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e Istituto Tecne’, con interviste effettuate il 30 e 31 luglio.

La Lega scende a 24,4% rispetto alla scorsa settimana (-0,3%) e vede avvicinarsi il PD (20,2%), che comunque perde 0,1% negli ultimi sette giorni. Sale Fratelli d’Italia (+0,3%) ora al 16,3% ma il balzo in avanti più consistente questa settimana è registrato dal M5S (+0,4%) che arriva a 15,8%. Piccolo incremento (+0,1%) per Forza Italia (8,4%) e La Sinistra (3,1%). In calo Azione (-0,2%) e Italia Viva (-0,1%), ora a 2,5%, mentre +Europa perde 0,1% e si ferma al 2% complessivo. Verdi (+0,1%) all’1,6%.

Cala la fiducia degli italiani nel governo Conte 2 dopo l’exploit registrato la scorsa settimana post Consiglio europeo. Nell’ultima settimana aumentano coloro che non hanno fiducia nell’esecutivo, ma ancora di più la fetta di coloro che non hanno un’opinione. Sette giorni fa il governo giallorosso aveva la fiducia del 31,2% degli italiani, oggi la percentuale scende al 30,6% (-0,6%) e inevitabilmente cresce (+0,2%) il dato di coloro che non hanno fiducia: da 64% a 64,2%. In aumento anche coloro senza opinione: oggi 5,2%, una settimana fa 4,8% (+0,4%).

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»