In Kosovo Kfor visita e porta vestiti alle donne di Ferizaj

La squadra di soldati dell'esercito americano per sole donne è una delle squadre di monitoraggio di collegamento nella Forza del Kosovo a guida NATO comandata dal generale italiano Michele Risi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Questa settimana sei soldati KFOR hanno consegnato scatole di prodotti per l’igiene femminile, coperte, snack e vestiti e salutato le donne del Centro Ferizaj/Urosovac per la protezione delle donne e dei bambini.

La squadra di soldati dell’esercito americano per sole donne è una delle squadre di monitoraggio di collegamento (LMT) nella Forza del Kosovo a guida NATO comandata dal generale italiano Michele Risi.

Il Centro per la protezione delle donne e dei bambini, noto anche come “La mia casa” ha una missione: creare un ambiente per la promozione dei diritti delle donne in Kosovo, migliorare la salute, il benessere delle donne e dei bambini nella regione di Ferizaj, indipendentemente da razza, età, genere e religione.

Nei mesi scorsi “My Home” ha ricevuto anche donazioni dai Carabinieri dell’Unità specializzata multinazionale della KFOR, nell’ambito delle loro attività di cooperazione civile-militare. Sevdije Kasumi Banjku, il responsabile del rifugio per violenza domestica, ha affermato che il rifugio sta sostenendo un edificio pubblico per garantire la sicurezza delle vittime del rifugio. Gli LMT aiutano continuando a rivolgersi al comune per garantire un luogo pubblico. Banjku ha riconosciuto che una delle loro missioni primarie è quella di sensibilizzare i cittadini nel comune sulla violenza domestica, specialmente durante la pandemia. Molti paesi nel mondo hanno riportato un aumento delle incidenze di violenza domestica durante la pandemia. La violenza di genere contro tende effettivamente ad aumentare durante ogni tipo di emergenza, comprese le epidemie. Le donne che sono sfollate, rifugiate e vivono in zone colpite da conflitti sono particolarmente vulnerabili. Quando vengono messe in atto misure di allontanamento e le persone sono incoraggiate a rimanere a casa, è probabile che il rischio di violenza da parte dei partner aumenti. Nonostante il COVID-19, le squadre di monitoraggio di collegamento della KFOR continuano la loro missione di sostegno alle istituzioni in Kosovo. Gli LMT sono molto gli occhi e le orecchie di KFOR e forniscono un legame molto apprezzato tra le comunità e la forza. Ricevono una formazione approfondita sulla consapevolezza culturale, impegni faccia a faccia, valutazione e avvio di progetti CIMIC e questioni relative al genere. KFOR è impegnata a sostenere le istituzioni e le organizzazioni che aiutano le vittime della violenza di genere e ha recentemente dato il suo contributo al rifugio regionale inaugurato a Zubin Potok, nel nord del Kosovo, lo scorso 30 giugno, installando un sistema di sicurezza con telecamere di sorveglianza.

LEGGI ANCHE: VIDEO| In Kosovo Kfor sostiene il progetto contro la violenza di genere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»