Giornale radio sociale, edizione 31 luglio 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

INTERNAZIONALE – Cimitero Mediterraneo. Nel 2019 nel Mare Nostrum è morta una persona ogni sei che ha raggiunto le coste europee lungo la rotta dalla Libia al Vecchio continente. Lo ha dichiarato il portavoce di Unhcr per l’Africa Charlie Yaxley, descrivendo la tratta “di gran lunga più letale del mondo”.

ECONOMIA – Ultima frontiera. Secondo uno studio della Fondazione Leone Moressa l’Italia respinge anche i lavoratori stranieri regolari. Il servizio di Giuseppe Manzo.

DIRITTI – Si può fare. Riconoscimento ufficiale da parte della giunta regionale della Lombardia per Ledha e Fand, nella rappresentanza delle istanze delle persone con disabilità, come previsto dalla Convenzione Onu. “Ci auguriamo – sottolineano le due realtà – che questa decisione porti a un riconoscimento formale della nostra attività”.

SOCIETA’ – La solidarietà come antidoto. A lanciare la sfida è don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco. Che ai nostri microfoni denuncia: l’“io” ha preso il sopravvento sul “noi”. 

CULTURA – La musica per una giusta causa. È il senso della collaborazione tra Sos Villaggi dei Bambini e Max Corfini, già voce dello storico gruppo di progressive italiano New Trolls e ora cantante solista con un disco di dodici brani pronto a uscire. “Sono nato funky” e “Rimani” sono le due canzoni che ha deciso di donare simbolicamente all’organizzazione, devolvendole parte del ricavato della vendita.

SPORT – Medaglie sostenibili. Quelle di Tokyo 2020 saranno realizzate con materiali riciclati da vecchi smartphone. Progettate da Junichi Kawanishi, che ha vinto un concorso a cui hanno aderito 400 designer, sono state svelate nel corso di una cerimonia ad un anno dall’inizio dei Giochi. Due anni fa il Comitato Organizzatore ha lanciato una campagna di raccolta di vecchi dispositivi elettronici per realizzarle.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»