Razzismo, azienda veneta compra una pagina sui giornali: “Basta odio”

Vendono vini e hanno deciso di prendere posizione pubblicamente su "Il Gazzettino" e il "Corriere della Sera"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una pagina intera sui giornali per dichiararsi “intolleranti contro l’intolleranza“. È la decisione che ha preso Astoria Wines, azienda vinicola di Treviso, che ha comprato due spazi pubblicitari, sui quotidiani “Il Gazzettino” e “Corriere della Sera” per lanciare una campagna pubblicitaria contro l’odio e il razzismo, in edicola oggi.

“La violenza delle parole e dei fatti non è più tollerabile. Non rappresenta né l’Italia né gli italiani. Ora basta! Il rispetto della persona prescinde colore, genere e religione“, è quanto si legge sul manifesto dove al centro spicca una donna di colore con le labbra truccate di verde, bianco e rosso, i colori della bandiera italiana. In basso invece trova spazio una citazione di Martin Luther King: “Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla”. Conclude la pagina il logo dell’azienda guidata dai fratelli Paolo e Giorgio Polegato.

L’idea nasce a seguito dell’episodio di violenza ai danni Daisy Osakue, giovane di origine nigeriana e atleta della nazionale italiana aggredita a Moncalieri domenica sera. “Per questo abbiamo deciso di uscire pubblicamente con questo messaggio” sulla “stampa nazionale, perchè ci schieriamo contro l’intolleranza”, scrive su Facebook l’azienda veneta, che non è nuova a campagne di questo tipo. Ad esempio, nel 2016 i Polegato hanno sponsorizzato il Gay Pride di Treviso.

di Sara Forni

Leggi anche:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»