Franceschini visita il cimitero partigiano di Pozza

Il cimitero ospita le vittime della rappresaglia nazifascista che nel 1944 causò oltre 40 morti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dario franceschini

ROMA – Il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha visitato questa mattina il cimitero di Pozza a Acquasanta Terme (Ascoli Piceno) dove sono sepolte le vittime della rappresaglia nazifascista che l’11 marzo del 1944 provocò oltre 40 morti tra civili e partigiani di diverse nazionalità, tra cui inglesi, statunitensi, greco-ciprioti, jugoslavi e italiani raccolti nella formazione della Banda Bianco, unità che aveva condotto con successo diverse azioni alle spalle della linea Gustav nell’inverno di quell’anno. “Un luogo struggente- ha dichiarato Franceschini- che ricorda uno degli episodi meno conosciuti della Resistenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»