NEWS:

‘La vita che volevi’, Vittoria Schisano è Gloria: “Sullo schermo finalmente la storia di una transgender che non fa la sex worker”

Per l’attrice arriva il ruolo più importante della sua carriera nella serie Netflix diretta da Ivan Cotroneo: “Spero che la rappresentazione di un personaggio come Gloria, che fino ad oggi non c'era, possa dire 'il mondo è anche questo'"

Pubblicato:31-05-2024 12:59
Ultimo aggiornamento:31-05-2024 13:16

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – “Per tanto tempo la narrazione cinematografica di una donna Amab (Assigned Male At Birth, ndr) è sempre stata alterata dal pregiudizio, non aggiungendo nulla alla consapevolezza di chi poi guardava quella storia. Oggi è importante raccontare questo tipo di storie, che non hanno la presunzione di voler normalizzare qualcuno o qualcosa, perché non c’è niente da normalizzare. Questa storia vuole semplicemente raccontare una vita che è uguale a tante altre vite e l’aspetto di genere della protagonista non fa di lei una persona migliore o peggiore delle altre”. Così Vittoria Schisano all’agenzia Dire, in occasione della presentazione della serie Netflix ‘La vita che volevi’.

Disponibile su Netflix, la serie – creata e diretta da Ivan Cotroneo, che l’ha scritta insieme a Monica Rametta, e prodotta da Banijay Studios Italy – ha portato sullo schermo “qualcosa che prima non c’era. Abbiamo voluto accendere una luce su personaggi e categorie sottorappresentate”, ha spiegato Cotroneo alla Dire. “Credo molto nel potere della rappresentazione e credo nella possibilità che le persone che guardano la rappresentazione si pongano delle domande”. Il personaggio di Gloria “è fuori dai cliché stereotipati con cui vengono raccontate le persone transgender. Oltre a non essere marginalizzata e a non fare la sex worker – ha proseguito il regista – Gloria è una donna felice e questa cosa qui è rivoluzionaria perché siamo abituati a racconti di persone infelici. E così ho pensato: ma perché dei ragazzi e delle ragazze che hanno un problema con il genere in cui sono nati e che vogliono intraprendere un percorso non possono avere la rappresentazione di una donna Amab realizzata e felice?”. Cotroneo spera che “la rappresentazione di un personaggio come Gloria, che fino ad oggi non c’era, possa dire ‘il mondo è anche questo’“, ha concluso.

LA VITA CHE VOLEVI, L’INTERVISTA A PINA TURCO, GIUSEPPE ZENO ED ALESSIO LAPICE

Nel cast anche Pina Turco, Giuseppe Zeno ed Alessio Lapice. “‘La vita che volevi’ è anche una serie che normalizza i ‘terremoti emotivi’, li rende più vicini e più umani. Abbiamo sempre paura di commettere degli errori e non dovremmo perché fanno parte del nostro percorso”, ha detto Turco. “Gli errori fanno parte di quel bellissimo processo di creazione dei nostri obiettivi e della vita che vogliamo e vale la pena farli”, ha aggiunto Zeno. Per Lapice “la vita che volevi la devi cercare a tutti i costi perché è il regalo più grande che puoi fare a te stesso, a prescindere da dove arriverai“.


LA VITA CHE VOLEVI: TRAMA, TRAILER E CAST

Gloria è convinta di aver trovato la felicità a Lecce, dove ha fondato una piccola agenzia turistica e trovato l’amore con Ernesto ma, un giorno, la sua vita viene sconvolta dall’arrivo di Marina (Pina Turco), sua amica ai tempi dell’università a Napoli, prima che Gloria iniziasse il suo percorso di transizione. Marina porta con sé Andrea (Nicola Bello) e Arianna, i figli avuti da due diverse relazioni, ed è incinta di un terzo, il cui padre è Pietro (Alessio Lapice), un giovane dal carattere passionale e forse anche pericoloso. Gloria preferirebbe non riallacciare i rapporti con Marina, lei le ricorda una parte della sua vita che vorrebbe dimenticare. Marina nasconde però molti segreti e presto in scena arriverà anche Sergio (Giuseppe Zeno), il padre di Arianna, un uomo tutto d’un pezzo fin da subito molto diffidente nei confronti di Gloria. Per lei, è giunto il momento di fare i conti con “la vita che voleva”, il suo passato e il suo futuro, per scoprire che la felicità a volte arriva in forme inaspettate e che l’amore è l’unica forza capace di rendere la vita degna di essere vissuta. Nel cast anche Bianca Nappi, Francesco Pellegrino e Bellarch.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy