Fase 2, Gualtieri: “Bonomi ingeneroso, tutte le risorse disponibili entro giugno”

Il ministro dell'Economia: "A settembre presenteremo un grande piano per la ripresa"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “In questa fase io non voglio replicare a parti dell’intervista che mi sono sembrate ingenerose, tenuto conto del dialogo che c’e’ stato e dell’attenzione che abbiamo riservato alle proposte avanzate da Confindustria e che abbaimo accolto nel decreto rilancio”. Lo dice Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia a ‘In mezz’ora in piu” su Raitre, in merito alle critiche dal presidente di Confindustria.

“Noi- aggiunge- abbiamo detto fin dall’inzio che avremmo sostenuto le parti piu’ deboli della societa’”.

Nella pandemia, spiega il ministro dell’Economia, “fortunatamente e giustamente l’Europa ha deciso che la risposta a questa crisi sarebbe stata diversa dal passato”, ad esempio rispetto alla crisi finanziaria del 2008 e alle politiche di austerita’. I fondi sono necessari per “politiche anticicliche di forte intervento spesa in deficit per famiglie e e imprese” e “noi l’abbiamo fatto nella misura massima possibile”.

Dunque, “siamo riusciti a finanziare degli interventi, ora quale e’ la priorita’? Metterli a terra e spenderli tutti e bene, e lo stiamo facendo”. Certo, “all’inizio e’ stato tutto un po’ lento per le molte procedure e la burocrazia ma ora la macchina si sta mettendo a correre e le risorse arrivano a terra, e per il dl Rilancio sara’ tutto a terra entro giugno”.

Adesso però siamo in un’altra fase, spiega Gualtieri, “ora serve un grande piano per la rinascita e la ripresa del Paese che deve puntare, non solo a superare l’impatto di questa crisi, ma anche a provare ad affrontare i problemi strutturali che ha questo paese”.

Secondo Gualtieri, “occorre dialogare con tutti e costruire un grande patto con tutte le forze economiche, sociali e produttive, dialogare con l’opposizione per un piano ambizioso per la ripresa”.

Per poter disporre del Recovery fund europeo “l’Italia dovra presentare un piano di ripresa, e lo presenteremo a settembre”. Pero’ “la scrittura di questo piano richiede una forte capacita’ di dialogo e ascolto da parte di tutti”, per cui “chiediamo a tutte le forze che hanno a cuore il futuro del Paese di darci il loro contributo, che ascolteremo”.

Per quanto riguarda il negoziato sul recovery fund, Gualtieri ammette che la strada è ancora lunga: “Giugno mi sembra eccessivamente ambizioso, siamo impegnati in un negoziato che deve, io penso, concludersi entro luglio e consentire di far partire questa operazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»