“Perfetti sconosciuti” sbanca il botteghino cinese: oltre 1 milione di dollari il primo giorno

E' quinto nel box office
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Successo decisamente inaspettato e sorprendente per il film di Paolo Genovese “Perfetti sconosciuti” in Cina dove ha sbancato il botteghino. Distribuita in 4000 copie la pellicola ha incassato oltre un milione di dollari il primo giorno di programmazione, piazzandosi al quinto posto nel box office. Il film, uscito nelle sale italiane nel 2006, aveva conquistato gli spettatori del Bel Paese portando a casa a fine corsa complessivamente 16.738.825 euro, diventando così uno dei film più visti degli ultimi anni in Italia. La pellicola racconta la storia di un gruppo di amici che una sera, durante una cena, decide di non avere segreti, mostrando liberamente il contenuto del proprio cellulare ai commensali. Facebook, whatsapp, messaggi di testo: chi non nasconde davvero qualcosa?

Una tematica, quella del contrasto tra apparenza/essenza e dell’utilizzo degli smartphone, che sembra essere universale, tanto da attrarre un pubblico, come quello cinese difficilmente conquistabile.  Il film aveva attratto l’attenzione al Focus Italia al Festival di Pechino 2017, catturando l’attenzione dei media, tanto che una piccola distribuzione locale aveva deciso di tentare l’impresa, a questo punto possiamo dirlo, decisamente riuscita.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»