Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 31 marzo 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, L’ITALIA RESTA BLINDATA

Arriva il nuovo decreto del governo con le misure anti Covid: ad aprile l’Italia rimarrà blindata. Solo asporto e consegne per bar e ristoranti, chiuse palestre e teatri. La novità più importante riguarda la scuola: le lezioni riprenderanno in presenza fino alla prima media anche in zona rossa. E’ passata dunque la linea rigorista del premier Mario Draghi, nonostante le pressioni delle regioni guidate dal centrodestra che chiedevano maggiore libertà per le attività economiche. C’è però l’impegno politico ad allentare le misure restrittive fra due settimane, qualora la situazione sanitaria dovesse migliorare. Intanto, confermato il lockdown nel ponte di Pasqua. Si potrà incontrare parenti e amici nella propria Regione, ma solo una volta al giorno.

RIAPERTURE, SCINTILLE LEGA-PD

E’ una mezza marcia indietro quella di Matteo Salvini sulle riaperture. Dopo giorni di braccio di ferro il segretario della Lega si allinea a Mario Draghi: “Sono d’accordo con il premier- dice oggi- se i dati scientifici portano in zona rossa, si chiude. Se ad aprile i dati portano una Regione in zona gialla lì si apre. A meno che- avverte- ci sia qualcuno che per ideologia vede solo rosso”. Anche Antonio Tajani chiede al governo di non rimandare tutto a maggio. “Siamo per tenere in vita le zone gialle”, osserva. Il Partito democratico, invece, frena. “Mi sembra che porti fuori strada discutere di come si apre mentre aumenta il numero dei contagi”, ribatte il ministro del Lavoro Andrea Orlando. “Ancora uno sforzo di rigore- ribadisce Enrico Letta- si riaprirà quando i dati lo consentiranno”. Ma il ministro per il Turismo Massimo Garavaglia insiste: “E’ il momento di parlare di date per le riaperture, settore per settore, in modo che ci si organizzi”.

BANKITALIA, ATTIVITÀ BILANCIO A 1300 MLD

“Cauto ottimismo, ma resta forte l’incertezza sull’evoluzione della crisi sanitaria e sulle prospettive dell’economia”. Il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel corso dell’assemblea ordinaria dei partecipanti, è prudente e ricorda come il virus continui a incidere pesantemente sul tessuto sociale. Il bilancio di Bankitalia registra un utile nel 2020 di 6,3 miliardi di euro, 2 in meno rispetto all’anno precedente. La somma complessivamente destinata allo Stato supera i 7 miliardi. Con le misure anti Covid la dimensione delle attività dell’Istituto ha raggiunto la cifra senza precedenti di 1.300 miliardi.

SPIONAGGIO RUSSO, MILITARE ITALIANO ARRESTATO

Un ufficiale della Marina Militare è accusato di spionaggio e attentato alla sicurezza dello Stato. E’ quanto è emerso dopo un’indagine dei servizi segreti italiani, in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa. Il capitano di fregata della Marina, proprio come in una ‘spy story’, è stato fermato assieme a un ufficiale delle Forze Armate russe durante un incontro clandestino per uno scambio di documenti coperti da segreto militare. L’Ufficiale italiano è in carcere. La posizione del cittadino straniero è invece al vaglio in relazione al suo status diplomatico. La Farnesina ha convocato l’ambasciatore russo in Italia annunciando l’immediata espulsione di due funzionari russi coinvolti. Da Mosca, il portavoce di Putin fa sapere che il Cremlino non dispone al momento di informazioni sulla vicenda, ma spera che le relazioni con l’Italia restino “costruttive”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»