Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tiro con l’arco: concentrazione e attenzione, non solo mira

Attività sportiva per ragazze e ragazzi da 9 anni in su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Il Tiro con l’arco è un’attività sportiva nella quale occorrono doti e capacità di estrema destrezza. Movimenti precisi, rapidi e armonici lo caratterizzano, grazie ad un certo impegno muscolare. Grazie a Liviana Marchet, consigliere federale della FITARCO, abbiamo approfondito vari aspetti di questo sport olimpico: durante il tiro il corpo deve restare in equilibrio, mantenendo un elevato controllo in tutte le fasi. Anche le risorse mentali ricoprono un ruolo fondamentale in questo sport, relativamente alla gestione dell’ansia e soprattutto alla conoscenza che ogni atleta deve avere del proprio corpo e della mente.

La Federazione Italiana Tiro con l’Arco (FITARCO) cura gli atleti per la preparazione alle gare, da quelle locali, nazionali, fino alle Olimpiadi. La gara FITA (Competizione Olimpica) è organizzata su un campo livellato dove vengono allineati un certo numero di bersagli posti alle distanze di 90, 70, 50, 30 metri per gli uomini e a 70, 60, 50, 30 metri per le donne. Le modalità di tiro prevedono una serie di 36 frecce per ogni distanza; il bersaglio ha un diametro di 122cm per le lunghe distanze e di 80 cm per le distanze di 50 e 30 metri ed è formato da cerchi concentrici colorati corrispondenti al valore dei punteggi che vanno da 10 (giallo) a 1 (bianco).

Il Tiro al chiuso o Indoor si svolge generalmente all’interno di palazzetti sportivi, su una distanza di 18 metri o di 25 metri.  Vengono tirate 60 frecce su un pannello di 40 cm dai 18 metri e da 60 cm dai 25 metri. Il Tiro di campagna (Hunter e Field), è una competizione che si svolge in due giorni distinti, rievoca la caccia poiché si svolge su terreni accidentati, in mezzo a boschi o aree verdi. Sul percorso si dispongono 12 piazzole di tiro per ciascun giorno di gara, oppure 24 piazzole nelle gare a livello internazionale o nei campionati italiani. Il tiro con l’arco per bambini e ragazzi è un’ottima disciplina perché si impara a rispettare le regole, concentrarsi e controllarsi. Un arciere capisce che la causa di una freccia che manca il bersaglio, va ricercata anzitutto in se stessi,  attraverso un’ autoanalisi, utile nello studio e nella vita, per imparare ad analizzare passo per passo i propri comportamenti, e migliorare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»