Studentessa del liceo Orazio di Roma intervista Odette Giuffrida

Parole di responsabilità nelle risposte della giovane judoka
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La notizia del rinvio ufficiale delle Olimpiadi del 2020 è stato un momento davvero particolare, ho provato diverse sensazioni ed emozioni. Ero sicuramente incredula, triste, ma allo stesso tempo ero completamente d’accordo con la decisione presa. Non sarebbe stato giusto né sicuro affrontare i Giochi in quelle condizioni”. Con queste parole Odette Giuffrida, giovane judoka italiana, medaglia d’argento ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016, risponde alla prima domanda dell’intervista realizzata da Carola Lembo, studentessa del liceo ‘Orazio’ di Roma, che sta partecipando a un progetto di giornalismo con l’agenzia Dire (qui il testo integrale).

Carola si è interessata a questo argomento perché, spiega, “a causa della pandemia di Coronavirus si è arrivati a profondi cambiamenti nella vita di tutti noi, anche il mondo dello sport ne ha fortemente sofferto. A partire dall’interruzione degli allenamenti durante il lockdown fino ad arrivare al rinvio dei Giochi olimpici di Tokyo 2020, questo settore ha fronteggiato pesanti difficoltà”. Per questo ha deciso di intervistare Odette, classe 1994, originaria del quartiere Montesacro di Roma, dove si trova il liceo ‘Orazio’ che frequenta la studentessa.

Dalle risposte di Odette si percepisce un forte senso di responsabilità, che l’ha subito condotta a relativizzare la frustrazione delle sue ambizioni agonistiche. “Vista la sofferenza e il dolore che il mondo stava subendo– continua Odette Giuffrida- non avrei potuto mettere in primo piano i miei sogni e la delusione del rinvio dei Giochi. La mia preoccupazione era rivolta alla salute di tutti noi. Dopodiché ho accettato quello che stava succedendo consapevole del fatto che in ogni modo avrei continuato a dare tutta me stessa per raggiungere quello che volevo a Tokyo 2020, nel 2021. Sicuramente quelle che verranno saranno le Olimpiadi della motivazione”.

“Cosa auguri per te e per lo sport nazionale per questo 2021?”, le chiede infine Carola. “Mi auguro e ci auguro di ritrovare la nostra vecchia ‘normalità’- risponde Odette- Semplicemente fare quello che amiamo senza più nessuna paura, tornare a praticare il nostro sport pensando solamente a divertirci e ai nostri sogni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»