Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, Pfizer-BioNTech sembra molto protettivo sugli adolescenti

vaccini
Lo riferiscono le due aziende farmaceutiche sulle colonne della rivista statunitense New York Times
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech è estremamente efficace negli adolescenti dai 12 ai 15 anni, forse anche più che negli adulti“. Lo riferiscono le due aziende farmaceutiche sulle colonne della rivista statunitense New York Times. “Non sono state trovate infezioni tra i bambini che hanno ricevuto il vaccino in una recente sperimentazione clinica- sottolineano- e i minorenni vaccinati hanno prodotto forti risposte anticorpali senza effetti collaterali gravi“.

LEGGI ANCHE: Covid, in Giappone si potrà scegliere quale vaccino avere

Questi risultati, se reggono, potrebbero accelerare il ritorno alla normalità per milioni di famiglie americane e, a seconda dell’approvazione normativa, le vaccinazioni potrebbero iniziare prima dell’inizio del prossimo anno accademico per gli studenti delle scuole medie e superiori e per i bambini delle scuole elementari non molto tempo dopo. Tuttavia “le società hanno annunciato i risultati in un comunicato stampa che non includeva dati dettagliati del processo- si legge nel Nyt- che non è stato ancora sottoposto a peer review, né pubblicato su una rivista scientifica”. Nel frattempo il Paese “non può sperare di raggiungere l’immunità di gregge – il punto in cui l’immunità diventa così diffusa che il coronavirus rallenta la sua scansione attraverso la popolazione – senza inoculare anche gli americani più giovani”, dicono alcuni esperti. I bambini sotto i 18 anni rappresentano circa il 23% della popolazione negli Stati Uniti.

Nel dettaglio, lo studio statunitense ha incluso 2.260 adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni. I bambini hanno ricevuto due dosi di vaccino a tre settimane di distanza – le stesse quantità e il programma utilizzato per gli adulti – o un placebo di acqua salata. I ricercatori hanno registrato 18 casi di infezione da coronavirus nel gruppo placebo e nessuno tra i bambini che hanno ricevuto il vaccino. Per il momento “il basso numero di infezioni rende difficile essere troppo specifici sull’efficacia del vaccino nella popolazione in generale”, ha specificato Angela Rasmussen, virologa affiliata alla Georgetown University a Washington.

Nel frattempo Pfizer e BioNTech hanno già avviato una sperimentazione clinica del vaccino in bambini sotto i 12 anni e hanno iniziato le vaccinazioni di bambini di età compresa tra 5 e 11 anni solo la scorsa settimana. Gli scienziati dell’azienda prevedono di iniziare a testare il vaccino la prossima settimana anche nei bambini più piccoli, di età compresa tra 2 e 5 anni, seguiti da prove su bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni. I risultati di questa sperimentazione in tre fasi sono attesi nella seconda metà dell’anno e le aziende sperano di rendere disponibile il vaccino per i bambini sotto i 12 anni all’inizio del prossimo anno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»