Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Denise Pipitone è in Russia? Stasera il caso a ‘Chi l’ha visto?’

denise_pipitone_chi_l_ha_visto
Il caso si riapre dopo l'appello di Olesya Rostova, alla ricerca della madre. La donna somiglia molto alla madre di Denise e l'età è compatibile con la bambina scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Chi è Olesya Rostova, la giovane donna che ha dichiarato di essere stata rapita quando era bambina alla tv russa? Potrebbe essere Denise Pipitone, la bambina di quattro anni scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004? La ragazza somiglia molto a Piera Maggio, la madre di Denise, e la sua attuale età è compatibile. Durante l’appello lanciato per ritrovare sua madre, Olesya ha raccontato che, dopo il suo rapimento, all’età di 5 anni, è stata portata in un campo rom. Il video della ragazza verrà mostrato nella puntata di “Chi l’ha visto?” in onda mercoledì 31 marzo alle 21. 20 su Rai3.

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone compie 20 anni, il papà: “Ti aspetterò sempre”

Nel corso della puntata si parlerà anche del caso di Barbara Corvi, scomparsa nel 2009 da Amelia (Terni): è stato arrestato con l’accusa di omicidio il marito Roberto Lo Giudice che davanti alle telecamere del programma aveva sempre detto che sua moglie si era allontanata volontariamente. Come sempre, nel corso della puntata, gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»