A Tokyo solo l’1,35% della popolazione ha sviluppato gli anticorpi anti Covid

giappone
Il ministero della Salute: "La popolazione giapponese è molto lontana dall’aver sviluppato la cosiddetta immunità di gregge"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Lo studio condotto a dicembre dello scorso anno dal ministero della Salute sulla popolazione di Tokyo, i cui risultati sono stati esaminati nei mesi scorsi e diffusi oggi in un report ufficiale, ha messo in evidenza come solamente l’1,35% dei residenti nella capitale presenti anticorpi contro il CoViD-19.

Il test sugli anticorpi, il secondo effettuato da inizio pandemia, ha comunque evidenziato un aumento di oltre 13 volte del livello di immunità della popolazione rispetto al primo test, condotto nel giugno del 2020, che segnalava appena lo 0,69% di popolazione immune.

“Sebbene il tasso presenti differenze tra le varie prefetture, è chiaro che la stragrande maggioranza delle persone non ha ancora sviluppato anticorpi in grado di proteggere dall’infezione e che la popolazione giapponese è molto lontana dall’aver sviluppato la cosiddetta immunità di gregge”, ha commentato il ministero nella nota introduttiva al rapporto pubblicato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»