Coronavirus, il Pd contro Fontana: “La Lombardia ha mostrato al mondo il fallimento della sua sanità”

Secondo il Pd lombardo "scelte politiche hanno lasciato il privato libero di agire al di fuori di una logica di servizio pubblico"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – “I limiti sono fin troppo evidenti, a tutti. E a poco valgono ormai le difese d’ufficio o le dichiarazioni di un tempo. Oggi nel mondo la Lombardia ha mostrato il fallimento della sua sanita’. Siamo il caso pilota, l’esempio da non seguire. Francamente ci meritiamo di piu'”. Lo afferma il consigliere Pd Gianni Girelli durante il dibattito in Consiglio regionale lombardo relativo all’emergenza covid-19.

“Quando ne usciremo si dovra’ mettere in discussione seriamente l’architettura del sistema sanitario di Regione Lombardia“, afferma Girelli, un sistema sanitario “parcellizzato in piu’ realta’, con ats di fatto incapaci a gestire la crisi e asst lasciate a organizzarsi in solitaria”.

Questo a detta di Girelli “e’ il frutto di scelte politiche che nel tempo hanno reso meno robusto il sistema pubblico, hanno lasciato il privato troppo libero di agire al di fuori di una logica di servizio pubblico, nonche’ di un progressivo e costante smantellamento della sanita’ territoriale”.

Girelli critica quelle che definisce “le prove muscolari di Fontana e Gallera oggi in Aula. Se e’ vero che la Regione Lombardia ha una delle migliori sanita’ del mondo, perche’ qui si e’ registrato un numero di decessi tra i piu’ alti dei paesi contagiati? È solo colpa, come ci raccontano, della Protezione Civile nazionale?”.

Il consigliere dem, pur nel legittimo diritto della giunta di decidere, sollecita maggiore confronto con le opposizioni: “Per noi alcune impostazioni sono profondamente sbagliate, a partire dalla gestione delle strutture ospedaliere: fin da subito andavano divise le sedi dedicate al Covid19 dalle altre- spiega Girelli- Un errore amplificato dalla mancata sicurezza del personale sanitario a tutti i livelli, dagli ospedali, ai presidi territoriali, alle Rsa. Per non parlare della confusione sui tamponi che regioni analoghe e a guida centrodestra stanno effettuando. E infine il doloroso dramma dei decessi nelle RSA, l’errore piu’ grande, la sottovalutazione peggiore di Regione Lombardia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»