Coronavirus, anche la Lamborghini produrrà mascherine e visori

1.200 dispositivi al giorno (pure con stampanti 3d) per S.Orsola
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dai bolidi extra-lusso ai dispositivi di protezione per gli operatori sanitari in prima linea contro il coronavirus. A fare il salto e’ Automobili Lamborghini, che ha deciso di riconvertire alcuni reparti del suo stabilimento produttivo di Sant’Agata Bolognese per la produzione di mascherine chirurgiche e visiere protettive mediche in favore del Policlinico Sant’Orsola di Bologna. L’iniziativa e’ affidata a un gruppo di operatrici e operatori di selleria, il reparto dedicato alla realizzazione degli interni e delle personalizzazioni delle Lamborghini, il cui contributo permettera’ di realizzare 1.000 mascherine al giorno. In contemporanea saranno realizzate visiere protettive mediche in policarbonato con l’uso di stampanti 3D all’interno dello stabilimento di produzione compositi e nel reparto di ricerca e sviluppo, con quantita’ prevista di 200 al giorno.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in arrivo a Potenza mascherine e test rapidi

Entrambi i dispositivi, realizzati col consenso della Regione Emilia-Romagna, saranno poi affidati al laboratorio dell’Alma Mater di Bologna diretto da Francesco Saverio Violante, che si occupera’ dei test di validazione prima della consegna al Sant’Orsola.
“In un momento di emergenza come questo, ci sentiamo di dover dare un contributo concreto- spiega Stefano Domenicali, chairman e Ceo di Automobili Lamborghini– abbiamo cosi’ deciso di supportare l’ospedale Sant’Orsola, istituzione con cui da anni abbiamo un rapporto di collaborazione, sia per quanto riguarda la consulenza per la promozione dei programmi di tutela della salute delle nostre persone, tramite professionisti del Policlinico, sia su progetti di ricerca”. Secondo Domenicali, “e’ con l’unione e il sostegno di chi e’ tutti i giorni in prima linea nella lotta a questa pandemia, che vinceremo insieme questa battaglia”. In segno di unita’ e sostegno all’Italia intera, inoltre, Lamborghini ha deciso di illuminare ogni sera gli edifici dello storico stabilimento di Sant’Agata Bolognese con il tricolore.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’emergenza chiama e i makers rispondono con mascherine

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»