VIDEO | Coronavirus, Pesaro dedicherà un monumento alle vittime

La giunta ha deciso di intitolare un monumento per i caduti del Coronavirus e per gli 'eroi' dell'ospedale' San Salvatore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Pesaro dedicherà un monumento alle vittime del Coronavirus e agli operatori sanitari dell’ospedale cittadino. Lo ha annunciato questa mattina il sindaco, Matteo Ricci, nel corso dell’iniziativa organizzata dall’Anci che ha invitato tutti i Comuni italiani, per ricordare le vittime dell’epidemia e per onorare gli operatori sanitari, a tenere le bandiere del Municipio a mezz’asta ed ad osservare un minuto di silenzio.

LEGGI ANCHE: VIDEO | L’Italia in lutto per i morti da coronavirus: sindaci in silenzio e bandiere a mezz’asta

“Gli operatori sanitari da almeno un mese stanno dando anima e corpo all’interno del nostro ospedale per curare pazienti- spiega Ricci-. Poco fa in giunta abbiamo deciso di intitolare un monumento per i caduti del Coronavirus e per i nostri eroi del San Salvatore. Lo inaugureremo il prima possibile probabilmente al parco Miralfiore. Un monumento dedicato alle vittime del Coronavirus, alle loro famiglie e a tutti coloro che stanno combattendo in ospedale per dire che Pesaro non si dimenticherà di loro e li omaggerà costantemente negli anni attraverso un monumento simbolico”.

Al termine dell’iniziativa che si è tenuta sotto il Municipio e a cui hanno preso parte il Vescovo di Pesaro, Piero Coccia, (che ha recitato una preghiera alla Beata Vergine delle Grazie), il consigliere regionale, Andrea Biancani, il presidente del consiglio comunale, Marco Perugini, e il vicepresidente, Dario Andreolli, Gigi Faggi ha suonato il silenzio militare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»