Coronavirus, Confindustria: “Italia colpita al cuore, nel 2020 pil giù del 6%”

Secondo il Csc "la caduta stimata del pil nel secondo trimestre rispetto a fine 2019 e' attorno al 10%"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nel 2020 il Centro studi di Confindustria stima “un netto calo del pil, ormai inevitabile: lo prevediamo al -6%, sotto l’ipotesi che la fase acuta dell’emergenza sanitaria termini appunto a maggio. Ogni settimana in piu’ di blocco normativo delle attivita’ produttive, secondo i parametri attuali, potrebbe costare una percentuale ulteriore di prodotto interno lordo dell’ordine di almeno lo 0,75%”.

Secondo il Csc “la caduta stimata del pil nel secondo trimestre rispetto a fine 2019 e’ attorno al 10%. Inoltre, la ripartenza nel secondo semestre sara’ comunque frenata dalla debolezza della domanda di beni e di servizi”.

Gli industriali affrontano “uno shock imprevedibile che ha colpito l’economia italiana a febbraio 2020, quando e’ iniziata la diffusione nel Paese del virus Covid-19. Si tratta di uno shock congiunto di offerta e di domanda: al progressivo blocco, temporaneo ma prolungato, di molte attivita’ economiche sul territorio nazionale, necessario per arginare l’epidemia, si e’ associato un crollo della domanda di beni e servizi, sia dall’interno che dall’estero”.

L’economia italiana e’ stata “colpita al cuore”, dice Confindustria. Adesso “occorre tutelare il tessuto produttivo e sociale della nazione, lavoratori, imprese, famiglie, con strategie e strumenti inediti e senza lesinare risorse in questo momento per garantire il benessere futuro. Occorre agire subito, senza tentennamenti o resistenze: altri paesi si stanno gia’ muovendo in questa direzione”.

“Nessuno conosce, ad oggi, la dimensione complessiva degli interventi necessari, che saranno comunque massivi e che saranno condizionali agli sviluppi sanitari ed economici. Ma a tutti e’ chiaro che solo mettendo in sicurezza i cittadini e le imprese, la recessione attuale potra’ non tramutarsi in una depressione economica prolungata”, si legge nel Rapporto del Csc.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»