#Atuttomondo: le principali notizie dall’estero

A cura dell’Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 ROMA – #ATUTTOMONDO. Questo il titolo della rassegna stampa internazionale dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo. Da oggi, in collaborazione con l’agenzia Dire, ogni martedì e venerdì verrà diffuso sulla rete nazionale delle agenzie, sul sito e social della Dire.

In Italia si avvicina lo scadere del primo termine previsto per le restrizioni legate all’emergenza Covid-19 e anche se ancora manca la comunicazione ufficiale, il governo ne sancirà una proroga a data da destinarsi. Le spaventose cifre di contagiati e deceduti giornalieri fanno presagire un decisivo prolungamento delle misure restrittive, condizione che ci costringe a re-inventarci e re-inventare un tipo di vita a cui non potevamo di certo ritenerci abituati. 

Il valore aggiunto di questa anomalia, infatti, sta nell’imparare a non soffrire della “mancanza di…”, ma nell’imparare ad apprezzare “l’assoluta libertà di…” che in condizioni di normalità determina il nostro stile di vita.

La libertà di movimento, di riunione, di espressione, di stampa, ad esempio.

Quest’ultima in particolare è la chiave del nostro lavoro, e approcciandoci ad universi linguistici e geografici diversi abbiamo imparato a riscoprire il valore di quelle libertà che noi italiani tanto diamo per scontate, ma che tanto scontate, indipendentemente dall’emergenza, per altri, non sono. (Sara Nardi)

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA COMPLETA

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»