Coronavirus, in Emilia-Romagna al via test a tappeto a tutti gli operatori sanitari

Le analisi saranno effettuate secondo un piano e un calendario programmato dalla Regione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna è pronta a partire con lo screening a tappeto di tutti gli operatori socio-sanitari alle prese con l’emergenza coronavirus. Domani, mercoledì 1 aprile, arriveranno i primi 50.000 test sierologici e giovedì inizieranno i prelievi. Nel complesso si parla di circa 100.000 persone da testare, di cui oltre 60.000 nella sanità pubblica.

LEGGI ANCHE: “Ci dipingono come eroi, ma lavoriamo con la paura”. Parla un infermiere a Bologna

Inoltre, sono già stati ordinati altri 100.000 test, con l’obiettivo di arrivare a regime a un totale di 200.000 operatori controllati. Le analisi saranno effettuate secondo un piano e un calendario programmato dalla Regione.

“La sicurezza degli operatori sanitari e dei pazienti deve avere la priorità su tutto- afferma l’assessore alla Sanità, Raffaele Donini- è imprescindibile che il personale in prima linea in questa emergenza lavori nella condizione di massima tutela per sé e per i pazienti, senza rischiare di essere una fonte di contagio”. I test sierologici, continua Donini, “costituiscono uno strumento importante, validato dalla comunità scientifica, che abbiamo nella lotta contro il coronavirus”.

LEGGI ANCHE: “Test periodici a medici e infermieri in prima linea”, Bologna ha un piano

Questo tipo di analisi, infatti, permette di verificare con un prelievo del sangue, in tempi rapidi, la presenza e il tipo di anticorpi nell’organismo, riuscendo così a capire se il paziente è venuto in contatto con il virus e se è o è diventato immune. Chi risulta negativo al test verrà controllato di nuovo dopo 15 giorni, i positivi invece saranno sottoposti al tampone tradizionale per avere la conferma del covid-19.

“Siamo pronti a partire con un piano con cui testeremo a tappeto tutto il personale socio-sanitario della nostra regione, sintomatico e asintomatico, in tempi rapidi- assicura Donini- abbiamo già ordinato tutta la quantità di test necessari e anche di più. Nei prossimi giorni definiremo i dettagli dell’operazione ma già giovedì partiamo con le prime verifiche”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»