Coronavirus, da Maiora 50mila euro in buoni spesa e bonus dipendenti

È quanto la società concessionaria di Despar, Eurospar, Interspar e Iperspar ha deciso ulteriormente di fare per fronteggiare l'emergenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – “Dietro i numeri dei nostri supermercati c’è il lavoro e l’impegno quotidiano di tutti: dal personale dei punti vendita e dei centri di distribuzione agli autisti e ai dipendenti delle sedi. Ai collaboratori della famiglia Despar, instancabili lavoratori che in questi giorni di emergenza stanno garantendo un servizio primario alla società con responsabilità e dedizione va il nostro più sentito ringraziamento. A loro riteniamo doveroso riservare un premio perchè rappresentano il nostro patrimonio più importante”. Così Pippo Cannillo – amministratore delegato e presidente di Maiora, società concessionaria di Despar, Eurospar, Interspar e Iperspar, spiega la scelta di convertire 50mila euro in buoni spesa da destinare a dipendenti per aiutarli in questo momento di crisi sanitaria. L’azienda ha deciso di adottare una serie di iniziative a supporto di cittadini, propri dipendenti e strutture ospedaliere stanziando 50mila euro in buoni spesa distribuiti ai principali Comuni delle regioni in cui Maiora è presente con le proprie insegne. L’iniziativa non e’ l’unica messa in campo dal gruppo per fronteggiare l’emergenza coronavirus: Despar Centro – Sud ha non solo investito 450mila euro in incentivi extra e assicurazione per dipendenti e indotto della logistica ma ha anche donato 500mila euro all’Istituto Spallanzani di Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»