Coronavirus, Zampa: “Bene i dati, l’obiettivo era fermare il contagio al Centro e al Sud”

La sottosegretaria alla Salute critica il bollettino televisivo delle 18: "Non apprezzo molto che si sia dato questo appuntamento in un susseguirsi di numeri che non vengono sempre interpretati"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sì meno male, li aspettavamo“. Così la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, a SkyTg24 commenta i primi dati di rallentamento dell’epidemia. “Io ho una lettura che vuole vedere la luce più di quanto i dati non dicano, invece il ministro mi ripete cautela, cautela”, riferisce.

Per Zampa “i prossimi giorni dovrebbero veder confermato un trend migliore, le misure di contenimento stanno funzionando al nord e soprattutto stanno mitigando l’epidemia nel centro e nel sud Italia“. E questo, sottolinea Zampa, “era l’obiettivo prioritario del Ministero e del governo: fare in modo che i focolai non vedessero una riproduzione al Sud, perchè avremmo messo in enorme sofferenza il servizio sanitario”. Insomma, le misure messe in campo dal governo stanno “funzionando”, perchè “al Sud e al centro c’è un andamento lineare e non esponenziale”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, record di guariti e calo dei contagi

IL BOLLETTINO DELLE 18? “TONO TROPPO LUGUBRE”

“Credo che andasse gestita con un semplice bollettino, senza questo appuntamento televisivo a cui non bisognava dare un tono un po’ lugubre”, è la valutazione di Zampa per quanto riguarda la conferenza stampa quotidiana della protezione civile.

“Non apprezzo molto- spiega- che si sia dato questo appuntamento in un susseguirsi di numeri che non vengono sempre interpretati: c’è la garanzia della trasparenza da conservare ma- avverte- dobbiamo anche fare in modo che la gente comprenda dei dati che non sono semplicissimi“.

LEGGI ANCHE: Burioni boccia il bollettino delle 18: “Numeri poco significativi”

Zampa poi sottolinea un “punto che mi ha fatto molto soffrire in questa comunicazione è la questione dell’età: dire che se hai 75 anni sei a rischio va accompagnato da un’altra informazione, cioè che se stai a casa e non vieni in contatto con il modo esterno non sei a rischio”. Insomma, conclude, “il virus non bussa alla porta, non entra dalla finestra, passa dal contatto tra persone”.

“I MIGLIORI RISULTATI DALLA MEDICINA DEL TERRITORIO”

“La medicina del territorio ha dato i migliori risultati che ci sono stati nella gestione del contagio, anche in Veneto che ha avuto una gestione con meno decessi”, commenta la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, a Radio Anch’io, spiegando che i tamponi vengono fatti “con campagne mirate, i medici devono essere la priorità delle priorità, i medici non si devono ammalare”.
Zampa osserva infine che “le misure danno i primi risultati e vanno nella direzione in cui speravamo, compresa la mitigazione del contagio al centro e al sud”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»