I riti di Pasqua senza popolo: come saranno le celebrazioni di Papa Francesco

Non ci sarà la Messa crismale del Giovedì Santo e la Via Crucis si svolgerà sul sagrato della basilica di San Pietro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il Santo Padre celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, senza concorso di popolo”. A renderlo noto è stata la sala stampa della Santa Sede.

“In seguito alla straordinaria situazione che si è venuta a determinare, a causa della diffusione della pandemia da Covid-19, e tenendo conto delle disposizioni fornite dalla Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, con Decreto in data 25 marzo 2020- si legge nel comunicato- si è reso necessario un aggiornamento in relazione alle prossime celebrazioni liturgiche presiedute dal Santo Padre Francesco: sia in ordine al calendario, sia in ordine alle modalità di partecipazione”.

Due le variazioni rispetto alla scansione tradizionale dei riti pasquale: non ci sarà la Messa crismale del Giovedì Santo e la Via Crucis, invece che dal Colosseo, si svolgerà sul sagrato della basilica di San Pietro. Il 5 aprile, Domenica delle Palme e della Passione del Signore, Francesco celebrerà la Messa alle ore 11. Il 9 aprile, Giovedì Santo, la Messa ‘in Coena Domini’ è in programma alle ore 18. Doppio appuntamento per il 10 aprile, Venerdì Santo: alle 18 il Papa presiederà la celebrazione della Passione del Signore e, alle 21, sul sagrato della basilica di San Pietro si svolgerà la Via Crucis. Sabato Santo, 11 aprile, la veglia nella Notte Santa è in programma alle ore 21. Il 12 aprile, Domenica di Pasqua, la celebrazione per la Risurrezione del Signore si svolgerà alle ore 11. Al termine, il Santo Padre impartirà la Benedizione ‘Urbi et Orbi’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»