Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Grillo e Di Battista indagati per diffamazione contro la genovese Cassimatis

A sporgere querela Marika Cassimatis, vincitrice della consultazione online per scegliere la candidata del Movimento al Comune di Genova e poi ripudiata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Beppe Grillo e Alessandro Di Battista sono indagati per diffamazione. A sporgere querela contro di loro è stata la ex pentastellata Marika Cassimatis, vincitrice della consultazione online sul blog del leader per scegliere la candidata del Movimento al Comune di Genova e poi ripudiata dallo stesso Grillo.

La stessa Cassimatis ha annunciato peraltro che ricorrerà al Tar contro la scomunica piovuta a sorpresa su di lei.

LEGGI ANCHE M5s, Cassimatis ricorre al Tar. “‘Fidatevi di me’ neanche nella Repubblica delle Banane”

Cos’era successo? Dopo le Comunarie in cui Cassimatis aveva vinto, scelta dagli utenti certificati del blog di Beppe Grillo, il guru dei 5 stelle l’aveva silurata con queste parole: “Questa decisione è irrevocabile. Se qualcuno non capirà questa scelta, vi chiedo di fidarvi di me”. I motivi additati da Grillo risiedono in “comportamenti contrari ai principi del Movimento 5 Stelle“, probabilmente legati alla vicinanza della vincitrice del “Metodo Genova” a Paolo Putti e agli altri fuoriusciti, inviso all’ala filo-Grillo.

LEGGI ANCHE Caos M5s a Genova, Grillo silura la candidata scelta: “E’ incandidabile, niente simbolo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»