Migranti, lo sfogo del sindaco di Bologna: “Troppi fascisti in giro, basta”/VIDEO

Virginio Merola perde le staffe dopo le critiche dell'opposizione sul piano per l'accoglienza ai migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Le opposizioni consiliari a Bologna attaccano sull’accoglienza dei migranti? “Le opposizioni si vergognino, e ci dicano cosa vogliono fare da grandi. Dire semplicemente ‘no’ sapendo che il tema c’è, e non offrendo nessuna risposta per risolverlo, fa parte di un’opposizione becera. A questi razzisti e xenofobi, perché qui è arrivato il momento di parlarsi chiaro, dico che la manciata di voti che pensano di ottenere, creando discriminazione e razzismo, la pagherà tutto il Paese. E la pagherà con l’uscita dall’Europa e con la prospettiva di una destra autoritaria”. Insomma, “ci sono troppi fascisti in giro: è arrivato il momento in cui il sindaco di Bologna deve parlare chiaro. Se mi riferisco anche ai 5 stelle? Mi riferisco a tutti quelli che quando c’è un problema da risolvere lo strumentalizzano, alimentando la paura fra i cittadini“. È lo sfogo del sindaco Virginio Merola, oggi a margine di una conferenza stampa, parlando di migranti e accoglienza a 360 gradi. Oltre a mettere in fila le priorità a livello istituzionale e amministrativo, Merola se la prende quindi col centrodestra e non solo, senza sconti.

L’hub c’è da molti mesi a Bologna e non ha creato un problema– segnala il primo cittadino-, il problema c’è se si vuole speculare sulla pelle della gente. Tutti i cittadini di Bologna sono chiamati a una scelta: ricordarsi da dove veniamo e i fondamentali di questa città. E- tuona Merola- a muso duro a questa gentaglia, che strumentalizza odio e rancore, bisogna saper rispondere. Rispondere, anzitutto, dimostrando coi fatti che non c’è nessuna emergenza; inoltre, dicendo che noi stiamo approntando un piano e lo stiamo attuando, nell’interesse generale del Paese”. Insomma, conclude Merola, “si è raggiunto il limite: d’ora in poi ci parleremo chiaro, anche con queste cosiddette opposizioni…”.

di Luca Donigaglia, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»