VIDEO | Basilicata, Cicala: “Approvate 29 leggi in 26 sedute”

Il presidente del Consiglio della Regione Basilicata ha presentato alla stampa i principali dati dell’attività del Consiglio regionale del 2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – A oggi sono state 26 le sedute consiliari del Consiglio regionale di Basilicata, 29 le leggi approvate, 54 le mozioni presentate, 11 gli ordini del giorno e 125 le interrogazioni, di cui 28 hanno ricevuto risposta. Sono i principali dati dell’attività del Consiglio regionale del 2019 presentati oggi alla stampa dal presidente del Consiglio Carmine Cicala.

In totale sono 82 gli atti amministrativi presentati e 22 le riunioni dell’Ufficio di Presidenza mentre sono 14 quelle della Conferenza dei capigruppo e 93 le riunioni tenute dalle Commissioni permanenti, che hanno licenziato 119 atti. Tra le principali leggi approvate nell’anno appena trascorso Cicala cita la legge Statutaria regionale del 18 febbraio 2019 che ha apportato modifiche allo Statuto della Regione Basilicata, stabilendo che “la legge disciplina i criteri per la presentazione delle candidature e promuove un sistema elettorale ispirato ai principi di governabilità, di piena rappresentanza democratica e di tutela della minoranza, alla rappresentanza dei territori e alla rappresentanza dei due generi. I consiglieri sono eletti a suffragio universale e diretto mediante liste provinciali di candidati.

La legge elettorale prevede un premio di maggioranza attribuito alla coalizione di cui è espressione il candidato eletto presidente della Regione e che verrà attribuito con esclusivo riferimento alle liste provinciali”. Cicala ha poi ricordato la rideterminazione degli assegni vitalizi con la rivalutazione automatica annuale in base all’indice Istat di variazione dei prezzi al consumo, la nuova disciplina delle strutture di assistenza agli organi di direzione politica e ai gruppi consiliari e l’istituzione della giornata regionale per la lotta alla dipendenza da gioco d’azzardo patologico.

In evidenza anche la legge regionale 29 del 30 dicembre 2019 sul riordino degli Uffici della Presidenza e della giunta regionale e disciplina del sistema dei controlli interni, che Cicala ha sottolineato “non ha inciso sui lavori svolti dal Consiglio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»