Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Crimi: “Non facciamo le citofonate per cercare il consenso o i cocktail al Papeete”

"Non facciamo le citofonate per cercare il consenso o i cocktail al Papeete" dichiara il viceministro dell'Interno a margine di un convegno nel palazzo Reale di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Il Movimento 5 Stelle c’è, ci sarà e dalle prossime elezioni sarà sempre più forte”. Così il reggente del Movimento 5 Stelle e viceministro dell’Interno Vito Crimi a margine di un convegno sui Balcani in corso nel palazzo Reale di Napoli.

“Da dieci anni a questa parte sento dire che il Movimento è sparito. Magari perde un po’ di consensi, però abbiamo fatto una scelta precisa, quella di non inseguire il consenso elettorale a tutti i costi. Noi – dice Crimi attaccando Matteo Salvini – non facciamo le citofonate per cercare il consenso o i cocktail al Papeete, cerchiamo di fare le cose nell’interesse dei cittadini e in questi anni abbiamo lavorato duramente. I risultati saranno percepiti a brevissimo e lo vediamo già con il taglio dell’Irpef, il reddito di cittadinanza, le misure sul lavoro, l’abbassamento delle tasse”.

Il viceministro precisa che oggi bisogna ripartire anche nell’azione di governo “con una nuova agenda per gli artigiani e la partite Iva, sono tutte categorie che hanno bisogno dell’aiuto del governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»