Sondaggi Dire-Tecnè: cala la Lega, sale il Pd. Fratelli d’Italia vola sopra l’11%

Secondo il sondaggio settimanale dell'Istituto Tecnè per l'Agenzia Dire migliora anche la fiducia nel governo Conte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dal 24 gennaio a oggi, 31 gennaio, nelle intenzioni di voto la Lega perde lo 0,6% e il Pd guadagna lo 0,8%, mentre con un +0,7% Fratelli d’Italia supera quota 11%. E’ quanto emerge dal sondaggio di Monitor Italia, nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e Istituto Tecne’, con interviste effettuate il 30 e 31 gennaio. Non si arresta la caduta M5S che perdendo un ulteriore 0,8% scende sotto quota 15%.

Tra il 24 e il 31 gennaio la Lega perde uno 0,6% e dal 31,7% scende al 31,1%. Il Pd passa dal 19,4% al 20,2%. Il M5S lascia sul terreno uno 0,8% e dal 15,1% del 24 gennaio cala a 14,3% del 31 gennaio.

Fratelli d’Italia con un +0,7% passa dall’11% all’11,7%. Stabile in discesa Forza Italia che perdendo uno 0.3% cala dal 7,8% al 7,5%. Stabile Italia viva che con una variazione del +0,1% arriva al 3,7% dal 3,6%. Stessa dinamica per Azione!, che sempre con un +0,1% passa dal 2,4% al 2,5%.

DIRE-TECNÈ: LIEVE AUMENTO FIDUCIA IN GOVERNO A 25,5%

La fiducia nel governo giallo-rosso guadagna qualcosa, uno 0,4% che al 31 gennaio la porta al 25,5%, in salita dal precedente 25,1% del 17 gennaio. Cala la percentuale di chi non ha fiducia nel governo, perde un punto percentuale e dal 70% tondo del 24 gennaio scorso cala al 69% del 31 gennaio. E’ quanto emerge dal sondaggio di Monitor Italia, nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e Istituto Tecne’, con interviste effettuate il 30 e il 31 gennaio. Sempre bassa la quota dei ‘senza opinione’, benché salga dal 4,9% al 5,5%.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»