Imprese, Tiraboschi (Fi): “Valorizzare le competenze femminili”

https://youtu.be/1zmBU0Z6fjE ROMA - "Il paese dovrebbe fare uno sforzo per premiare il merito, la professionalità e le competenze che non necessariamente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/1zmBU0Z6fjE

ROMA – “Il paese dovrebbe fare uno sforzo per premiare il merito, la professionalità e le competenze che non necessariamente sono ascrivibili alle questioni di genere. Io sono abbastanza contraria sulla valorizzazione del mondo femminile attraverso le cosiddette quote, ma ci rendiamo conto che una forzatura legislatura è stata obbligatoria per dare valore al mondo femminile”. Così Maria Virginia Tiraboschi, senatrice di Forza Italia, interpellata dalla ‘Dire’ in occasione della tavola rotonda, promossa dalla Cna, su ‘Politica: sostantivo femminile singolare’.

La parlamentare azzurra osserva: “Pensiamo a quale qualità può esprimere questo mondo: il pragmatismo, la creatività, fantasia, la determinazione, la voglia di fare, la capacità di essere determinate su obiettivi concreti. E la capacità anche di saper mettere sensibilità in un mondo, come quello dei servizi alla persona, in cui la donna fa davvero la differenza”.

   Conclude Tiraboschi: “Io penso che si debba lavorare molto per valorizzare questo comparto, quello del mondo femminile, che comunque sta crescendo. Per quanto attiene la capacità imprenditoriale sono molte le donne che fanno le imprenditrici: questo è il punto di partenza sul quale riflettere come legislatori proprio per agevolarle in questa attività”.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»