Imprese, Cna: “Sostenere le donne con la detrazione delle spese di cura”

https://youtu.be/PiAIDvwyUPI ROMA - "Oggi la Cna presenta otto proposte per favorire l'impresa femminile ma una è quella che riteniamo rappresentativa del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi la Cna presenta otto proposte per favorire l’impresa femminile ma una è quella che riteniamo rappresentativa del criterio con cui vorremmo affrontare il problema del grosso gap di genere che caratterizza l’economia italiana”. Così Maria Fermanelli, presidente nazionale Cna Impresa Donna, interpellata dalla ‘Dire’ in occasione della tavola rotonda su ‘Politica: sostantivo femminile singolare’, al Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva. 

La proposta più significativa del pacchetto presentato dalla confederazione è quella di introdurre “una detrazione del 50% sui voucher per tutti i servizi di cura, di qualsiasi genere. Sarebbe- osserva- una norma che avrebbe un grosso impatto sull’economia e permetterebbe anche di contrastare il lavoro nero. Sarebbe quindi un’occasione economica per tutti, uomini e donne, e porterebbe maggiore coesione sociale, oltre ad innalzare la qualità della vita di tutti”.

Fermanelli nota più in generale che “in una fotografia di stagnazione dell’economia italiana ci sono segnali di vitalità e queste vengono dalle imprese”. Il tasto dolente riguarda però il ruolo delle donne. Citando uno studio la presidente rileva che “il nostro paese è al 70° posto in termini di opportunità per le donne ossia il sistema paese non è arretrato dal punto di vista legislativo, perché ad esempio la contrattazione collettiva e il credito bancario riconoscono stessi diritti e stesse regole per uomini e donne, ma siamo al 93° posto per partecipazione al lavoro delle donne e addirittura al 126° per parità salariale”.

Quest’ultimo dato, conclude Fermanelli, “ci leva la voce e ci interroga tutti. E’ un problema economico del paese, che richiede l’impegno di tutte le forze politiche”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»