Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ruanda, sì a legge per bandire la plastica monouso

ROMA - Un disegno di legge che punta a mettere al bando le plastiche monouso è stato approvato dal governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un disegno di legge che punta a mettere al bando le plastiche monouso è stato approvato dal governo del Ruanda. Con questa misura, che ora attende il via libera del parlamento, si guarda alla tutela dell’ambiente e anche al problema della gestione dei rifiuti. Alla categoria delle plastiche monouso afferiscono vari oggetti di uso quotidiano: tra questi, sacchetti, imballaggi per gli alimenti, bottiglie di plastica, cannucce e cucchiaini da caffè dei distributori automatici. Tutti prodotti che aumentano la spazzatura da smaltire e rischiano di diventare inquinanti, se dispersi nell’ambiente.

 


Intervistato dalla stampa locale, il ministro dell’Ambiente Vincent Biruta ha detto che i cittadini sono invitati a trovare alternative. “La maggior parte di queste cose non sono necessarie” ha detto il ministro. “Cosa usavamo prima dell’avvento della plastica? Esistono altri oggetti per consumare cibo e bevande, o fare la spesa”.

Secondo uno studio diffuso a dicembre dall’Agenzia per la gestione ambientale (Rema), la capitale Kigali e sei centri urbani satelliti soffrono a causa della mancanza di strutture centralizzate per il trattamento e il riciclo. Inoltre, il report rivela che solo il 35,8 per cento della popolazione urbana abita in zone servite dalla nettezza urbana.

Stando a dati del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp) risalenti al 2012, la discarica di Nyanza, la sola della capitale, riceve ogni giorno oltre 100 tonnellate di spazzatura, a fronte di una popolazione in costante aumento. Le città satelliti erano state fondate proprio per redistribuire la popolazione della capitale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»