Piaggio Gita il trolley 2.0 che viaggia da solo. Il video

Nuova mobilità anche in fatto di bagagli. Ecco il robot contenitore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si chiama Piaggio Gita l’innovativo prodotto tecnologico di Piaggio Fast Forward. Nata da una costola del famoso brand delle due ruote, Piaggio Fast Forward ha deciso di lanciarsi nelle tecnologia ad alta specializzazione. Non è un caso, quindi, se la sua sede è nel nel Massachusetts.

Piaggio Gita, il trolley 2.0

Gita è un trolley robotico in grado di muoversi da solo anche in presenza di ostacoli. La sua presentazione ufficiale il prossimo 2 febbraio. La valigia del futuro, al momento pensata solo per i clienti business, presto potrebbe diventare un articolo consumer. Facile immaginare i destinatari. Anziani, pendolari, viaggiatori e, soprattutto, i pigri. Perché portare, infatti, pesi e valige ingombranti quando c’è la possibilità di avere un contenitore in grado di muoversi da solo?

Piaggio Gita, la valigia che sfreccia

Gita è un prodotto ad alta tecnologia. È in grado di portare un carico di ben 18 kg e sfrecciare ad una velocità pari a 35 km/h. Alto 66 centimetri, il trolley è in grado di seguire il proprietario in maniera autonoma. Si muove in città, in aeroporto o sulla banchina di un treno evitando gli ostacoli che si frappongono sul suo cammino. Ha un margine di manovra molto ampio e agile grazie a un raggio di sterzata pari a zero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»