Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Kazakistan, al via la terza tappa della modernizzazione economica

Il presidente Nazarbeyev: "Ora serve innovazione tecnologica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Assicurare la crescita economica sul lungo periodo. Questo l’obiettivo del presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbayev, che oggi ha annunciato “la terza modernizzazione” del Paese, che prevede un piano da oggi al 2025, che si fonda sul rinnovamento dell’economia in chiave tecnologica e sulla digitalizzazione.

Per Nazarbayev “è fondamentale ridurre al minimo il coinvolgimento dello Stato nell’economia, abbattere i costi superflui per le imprese e sviluppare partenariati pubblico-privato”.

Il capo dello Stato ha quindi incaricato il governo di sviluppare il relativo piano strategico di sviluppo fino al 2025, dal titolo ‘Iniziativa tecnologica nazionale del Kazakhstan’, che rispetterà le linee-guida da lui annunciate, e in risposta alle sfide poste dall’economia globale. La prima tappa di questo processo di modernizzazione è consistita nel convertire il Paese al modello dell’economia di mercato. La seconda, ha ricordato ancora il Presidente, ha visto “l’attuazione della strategia 2030 e la creazione della capitale del nostro paese, Astana”.

La terza tappa dunque si inserisce in tale continuum strategico, che oggi implica aggiornare le strutture economiche alle nuove tecnologie digitali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»