Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Usa, Trump licenzia il ministro della Giustizia: era contraria a bando su immigrazione

Era contraria al bando sull'immigrazione ed è stata rimossa. In tante città dell'America (e non solo) le proteste continuano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rimosso dall’incarico Sally Yates, ministro della Giustizia reggente (a suo tempo nominata da Obama), che ha ordinato al Dipartimento di non difendere in Tribunale il decreto sull’immigrazione emesso dal Presidente. Trump ha quindi nominato ministro della Giustizia reggente Dana Boente.

Sally Yates

Nel frattempo dilaga ancora forte la protesta contro il bando di Donald Trump all’immigrazione. Per l’Onu si tratta di “un atto illegale e meschino“. Le chiese americane si sono espresse per la tutela dei migranti e della vita umana. Altre manifestazioni in numerose città degli States si sono registrate ieri e altre sono programmate per i prossimi giorni. In Gran Bretagna la petizione popolare che chiede di declassare il prossimo viaggio di Trump da “visita di Stato” a visita di un presidente estero ha superato il milione di firme.

(www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»