hamburger menu

Covid, 126.888 casi e 156 morti. Tasso di positività sale all’11%

Nuovo record di tamponi: effettuati 1.150.352 test. In Lombardia oltre 39mila nuovi contagi. Continuano a crescere i ricoveri

Pubblicato:30-12-2021 18:34
Ultimo aggiornamento:31-12-2021 21:11
Canale: Sanità
Autore:
covid
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Sono 126.888 i nuovi casi di positività al Covid-19 (ieri 98.020) e 156 i decessi (ieri 148) registrati in Italia nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dal bollettino odierno del ministero della Salute. Dall’inizio dell’epidemia sono 5.981.428 le persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2, mentre da febbraio 2020 il totale delle persone decedute è pari a 137.247. Sono in tutto 5.064.718 le persone guarite o dimesse, mentre quelle attualmente positive sono 779.463, pari a +104.598 rispetto a ieri (+75.997 il giorno prima). In Lombardia, la regione con più casi, i nuovi contagi sono 39.152.

LEGGI ANCHE: Omicron e il giorno della marmotta: nuova variante, ritorno al passato

“Mascherine Ffp2 fino a 8 euro”. Arriva un’interrogazione parlamentare al Governo

In aumento nuovi casi (+ 80,7%), ricoveri e decessi, Gimbe: “Sbagliato abusare dei test rapidi”

Compresi quelli molecolari e gli antigenici, i tamponi totali processati oggi sono stati 1.150.352, ovvero 120.923 in più rispetto ai 1.029.429 di ieri. Il tasso di positività, ieri al 9,5%, sale all’11%. Sul fronte del sistema sanitario si registra un aumento delle degenze in ogni area. Sono +288 (ieri +489) i posti letto occupati nei reparti Covid ordinari, per un totale di 10.866 ricoverati. Sono +41 (ieri +40) i posti letto occupati in terapia intensiva: i malati più gravi sono ora 1.226, con 134 ingressi in rianimazione (ieri 126).

LEGGI ANCHE: Via libera dell’Aifa all’uso di due antivirali contro il Covid

Letta: “Il prossimo passo sarà l’obbligo vaccinale e il ritorno allo smart working”

L’Italia finisce nella lista nera della Germania: “Non andateci”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-12-31T21:11:41+02:00