Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Conzatti: “Soddisfatta per i 9 milioni destinati al recupero degli uomini maltrattanti”

conzatti-scaled
"Un risultato importante per il contrasto alla violenza di genere" commenta la segretaria commissione bilancio di palazzo Madama
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo un intenso lavoro che ha visto coinvolto tutto il Gruppo di Italia Viva al Senato sono davvero soddisfatta di aver portato a casa un risultato importante: far stanziare nella Legge di Bilancio 9 milioni sul 2022 per il contrasto alla violenza di genere con particolare riferimento agli interventi previsti dalla Convenzione di Istanbul sulla rieducazione degli uomini autori di violenza”. Così dichiara Donatella Conzatti segretaria commissione bilancio di palazzo Madama.

“Oltre a 1 mln, che avevo fatto stanziare con un emendamento al Decreto Agosto e che è già a regime, si aggiungono 5 milioni al Fondo per le pari opportunità destinati ai progetti per il recupero di uomini maltrattanti. Inoltre- spiega- 1 milione viene stanziato per l’accreditamento e la diffusione sul territorio nazionale dei Centri di rieducazione per uomini autori di violenza che vanno ad operare in sinergia con la rete dei servizi socio-sanitari già presenti sul territorio e con le Forze dell’ordine e la Magistratura. Un ulteriore milione, invece, va alle attività di monitoraggio e raccolta dati da parte delle Istituzioni per garantire che le modalità di lavoro di tali Centri siano uniformi su tutto il territorio. 2 mln, sempre per il 2022, sono infine destinati ai Centri che operano con gli istituti penitenziari attraverso bandi promossi dal Ministero della giustizia ed ai sensi dell’art. 13bis dell’Ordinamento penitenziario così come modificato dal Codice Rosso, che come noto non aveva stanziato risorse a corredo della norma. Quello raggiunto è un risultato importante che aggiunge un tassello alla strategia integrata di contrasto alla violenza contro le donne. Lo considero come un punto di partenza perché il fenomeno è grave e strutturale e necessita di ulteriore lavoro di rete e ulteriori risorse per essere affrontato con efficacia. Ulteriori importanti risorse sono state destinate a potenziare i servizi già esistenti: più 5 milioni per i centri antiviolenza e più 5 milioni per il reddito di libertà. Italia Viva- conclude la senatrice- è da sempre in prima linea nel contrasto alla violenza sulle donne e nella promozione della parità di genere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»