Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Ferrara la ‘prima’ del Farnace dopo il ‘no’ della Chiesa di quasi 300 anni fa

vivaldi_ferrara
Il cardinale Ruffo disse 'no' alla prima dell'opera di Antonio Vivaldi, mandandolo in rovina. Stasera l'arcivescovo sarà a teatro per ricucire l'onta di 282 anni fa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FERRARA – Chissà cosa penserebbe oggi Antonio Vivaldi dell’arcivescovo che, per riparare “all’onta” di quasi 300 anni fa subita dal compositore da parte di un altro alto ecclesiastico, assisterà alla sua opera “proibita”. Già, perché stasera al Teatro comunale di Ferrara, per la prima de “Il Farnace”, ci sarà anche l’arcivescovo Gian Carlo Perego che così “ricucirà lo strappo“. La storia, infatti, è questa: nel 1739 quell’opera, scritta dal musicista e sacerdote veneziano proprio per Ferrara, in città non andò in scena, perché fu proibita dal governatore, il cardinale Tommaso Ruffo. E pare che quell’episodio sia stato l’inizio della fine di Vivaldi.

QUEL ‘NO’ E LA ROVINA DI VIVALDI

Il ‘no’ del cardinale Ruffo alla prima assoluta del Farnace a Ferrara nel 1739, si spiega infatti dal Teatro comunale di Ferrara, segnò la fine del compositore e impresario dell’opera. Il divieto “impoverì e debilitò Vivaldi, conducendolo alla morte appena due anni dopo”.

Così la città estense stasera mette in scena l’ultima versione (proprio quella ferrarese del 1738 e nata per il carnevale del 1739) e ad assistervi ci sarà appunto l’arcivescovo Perego, che parteciperà pure a “Ferrara Proibita”, incontro introduttivo de Il Farnace (alle 17 al Ridotto del Teatro). Sarà, si spiega ancora dal Teatro, “un’occasione storica, fortemente sentita dall’arcivescovo, per riparare al torto subito dal ‘prete rosso’ tre secoli fa“. Il 31 è in programma una replica pomeridiana alle 16.

All’incontro pomeridiano saranno presenti anche Vittorio Sgarbi, il direttore d’orchestra Federico Maria Sardelli, il regista Marco Bellussi e Francesco Pinamonti (maestro del coro dell’Accademia dello Spirito Santo). Modera il direttore artistico Marcello Corvino. Appuntamento al Ridotto del Teatro Comunale (via Martiri della Libertà 5). Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti. Per le recite dell’opera biglietti disponibili su www.teatrocomunaleferrara.it, il circuito Vivaticket e in biglietteria (corso Martiri della Libertà 21, Ferrara).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»