Regeni, l’Egitto rifiuta il processo e Fico sospende le relazioni diplomatiche

giulio regeni
Dopo l'ennesimo diniego delle autorità egiziane ad aprire un procedimento sulla tortura ed uccisione del ricercatore, il presidente della Camera sbotta: "L’ennesima provocazione, inaccettabile. Per questo la Camera ha sospeso le relazioni diplomatiche con il Parlamento egiziano. A tutto c’è un limite"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Una mezza ammissione e insieme un altro vergognoso tentativo di depistaggio. Le autorità egiziane ammettono dopo cinque anni, e dopo che lo ha già dimostrato la Procura di Roma, che pedinavano Giulio Regeni. Ci spieghino perché. Il Governo Italiano pretenda chiarimenti” scrive in una nota Erasmo Palazzotto, Presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni.

“Ancora una volta l’Egitto dimostra di non voler collaborare per fare luce sulla morte di Giulio Regeni. L’ennesima provocazione, inaccettabile, arriva oggi. Le motivazioni per cui la procura egiziana non è intenzionata ad aprire un processo sul sequestro, la tortura e l’uccisione del nostro ricercatore sono vergognose. Mentire sapendo di mentire. Per questo la Camera ha sospeso le relazioni diplomatiche con il Parlamento egiziano. A tutto c’è un limite”. Così il presidente della Camera, Roberto Fico.

LEGGI ANCHE: I genitori di Giulio Regeni ringraziano i partigiani: “Resistono con noi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»