Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Veglioni a Capodanno? Un italiano su due è pronto a denunciare

cenone capodanno
L'indagine Coldiretti/Ixè sui comportamenti degli italiani al tempo del Covid, mostra una sensibilità che scaturisce anche dal fatto che più di tre italiani su quattro (76%) dichiarano di aver rinunciato a vedere i parenti durante le feste, proprio per rispettare le norme in vigore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quasi un italiano su due (47%) è pronto a denunciare di persona alle forze dell’ordine eventuali comportamenti scorretti come feste con tanti ospiti, veglioni abusivi o assembramenti durante le feste di fine anno”. È quanto emerge da un’indagine Coldiretti/Ixè sui comportamenti degli italiani al tempo del Covid, con l’inserimento del Paese in zona rossa ed i lockdown per il cenone di Capodanno.

“Sotto osservazione- sottolinea la Coldiretti- è il limite per far visita nella propria abitazione di non più di due persone non conviventi con eventualmente i propri figli minori di 14 anni e anche con le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. Chi pensa però di eccedere e aggirare le restrizioni a Capodanno dovrà guardarsi da quel 47% di italiani che- secondo Coldiretti-Ixè- sono pronti a segnalare alle forze dell’ordine eventuali comportamenti scorretti come feste con tanti ospiti o assembramenti”.

LEGGI ANCHE: Le cene di Natale e Capodanno? A Bologna le offre la Coop

Continua la nota: “Una sensibilità che scaturisce anche dal fatto che più di tre italiani su quattro (76%) dichiarano di aver rinunciato a vedere i parenti durante le feste di fine anno proprio per rispettare le norme in vigore con il risultato che sono più che dimezzate le tavolate dell’ultimo giorno dell’anno con in media meno di 4 commensali rispetto ai 9 dello scorso anno”. “Si tratta di un risultato che- sottolinea la Coldiretti- evidenzia un buon livello di responsabilizzazione della popolazione con una condanna per azioni che mettono in pericolo la sicurezza di tutti. L’indagine evidenzia peraltro- sottolinea la Coldiretti- un 23% che dichiara di voler decidere sul momento se denunciare oppure no, a fronte di un 30% che, invece, non intende rivolgersi alle forze dell’ordine anche se i vicini violano le regole”.

Ancora la nota: “Analizzando le differenze nei comportamenti a livello territoriale emerge una maggiore intransigenza tra chi vive nel Sud Italia dove ben il 59% è pronto a rivolgersi alle autorità, mentre i più permissivi sono gli abitanti del Centro e delle Isole, dove la percentuale scende rispettivamente al 39% e al 41%. Al Nord Ovest il numero di chi segnale i comportamenti scorretti sale al 46%, poco sopra il 44% del Nord Est. A sostenere un comportamento virtuoso da parte degli italiani costretti a rimanere a casa sono molte le iniziative promosse che vanno da internet alla televisione fino alla tavola che- continua la Coldiretti- è diventata un momento centrale della vita delle famiglie”.

LEGGI ANCHE: Conte: “Il governo non può galleggiare”. Escluso l’obbligo vaccinale

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»