In India le donne in marcia notturna per il diritto agli spazi pubblici

La ministra: "Tutte possono camminare per strada, a ogni ora"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nel sud dell’India, migliaia di donne hanno partecipato alla ‘Camminata notturna‘ organizzata dal governo dello stato del Kerala per il diritto femminile a occupare gli spazi pubblici. La notizia appare oggi sul quotidiano ‘The Statesman‘, basato a Calcutta: ‘Pothu Idam Entethum (Lo spazio pubblico è anche mio’) è il titolo della manifestazione promossa dal Dipartimento per lo sviluppo delle Donne e dei bambini, tra le 11 e l’una, ora di Nuova Dheli. L’iniziativa è stata lanciata in occasione della giornata di ‘Nirbhaya‘, la ‘Senza paura’.

CHI E’ NIRBHAYA

Divenuta un simbolo per le femministe indiane, ‘Nirbhaya’ aveva 23 anni quando, il 16 dicembre del 2012, venne stuprata e torturata da un gruppo di uomini mentre viaggiava a bordo di un autobus insieme ad un amico, a Nuova Dheli. Morì 13 giorni dopo, il 29 dicembre, a causa delle violenze subite, dopo aver denunciato i sei assalitori. Alla manifestazione della notte scorsa c’erano, secondo la stampa locale, persone di diversa estrazione sociale: studentesse, casalinghe, dipendenti pubbliche e lavoratrici dell’industria del cinema. La ministra della Salute del Kerala, K.K. Shailaja, ha affermato che la manifestazione della scorsa notte è stata organizzata per diffondere il messaggio che le donne possono camminare per strada a qualunque ora senza paura e senza essere stigmatizzate. In questi giorni, il governo del Kerala, guidato dal Partito comunista indiano, ha organizzato anche un’altra manifestazione: il festival della ‘Resistenza e delle idee’, contro il nazionalismo indù, si è concluso ieri a Calicut.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»