Palazzo Chigi: “Revisione quota 100 e reddito di cittadinanza non sono in agenda”

Smentite le ricostruzioni odierne apparse su alcuni organi di stampa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo l’approvazione della manovra, non è all’ordine del giorno dell’agenda di governo alcuna revisione né di quota cento né del reddito di cittadinanza”, precisano fonti di Palazzo Chigi, smentendo le ricostruzioni odierne apparse sugli organi di stampa. Il primo nodo che il governo si troverà ad affrontare a inizio anno resta quindi quello sulla prescrizione,  durante il vertice sulla giustizia previsto per il 7 gennaio. Probabilmente negli stessi giorni avverrà l’insediamento dei nuovi ministri della Scuola e dell’Universita’ e della Ricerca, Lucia Azzolina e Gaetano Manfredi, nominati dal premier nel corso della conferenza stampa di fine anno.

BLOG DELLE STELLE: “REDDITO E QUOTA 100 NON SI TOCCANO”

“Ancora una volta ci ritroviamo a leggere notizie infondate che riguardano il reddito di cittadinanza e quota 100. Chiariamo subito una cosa: per il MoVimento 5 Stelle queste due misure non si toccano e non ci sarà nessuna modifica fino a che saremo al governo”. Lo scrive il MoVimento 5 Stelle sul Blog delle Stelle. “Abbiamo finalmente dato speranza e dignità a milioni di cittadini che per anni sono stati completamente abbandonati dalla politica, abbiamo dato ad anziani e famiglie la possibilità di pagare una visita specialistica, il riscaldamento e di fare la spesa. Abbiamo dato il diritto di andare in pensione dopo anni di sacrifici a tutti quei lavoratori che sono stati ingannati da una legge ingiusta e dolorosa come la Fornero. Tutto questo era nel nostro programma con cui ci siamo presentati alle elezioni nel 2018, e noi le promesse le manteniamo. I voti del MoVimento 5 Stelle per cambiare o smantellare due conquiste sociali e di umanità come queste non ci saranno mai”, si legge infine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»