Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dopo il ‘caso’ Frozen, lo psicoterapeuta: “Errore grossolano dire che Babbo Natale non esiste”

Le leggende hanno "una grande importanza per i bambini e vanno mantenute tali fino a quando avranno la possibilità di crederci"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  –  “Dire a un bambino prescolare che Babbo Natale non esiste è un errore grossolano. Le leggende, come Babbo Natale e la Befana, hanno una grande importanza per i bambini e vanno mantenute tali fino a quando avranno la possibilità di crederci”. Commenta così Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva, la triste frase pronunciata ieri dal direttore dell’Orchestra a conclusione del concerto evento ‘Disney in concert: Frozen’, all’Auditorium di Roma Parco della Musica.

LEGGI ANCHE “Babbo Natale non esiste”, bufera sul direttore d’orchestra allo spettacolo di Frozen

“I minori dalla seconda elementare in poi (di 7 anni) forse già sanno che il Babbo Natale sono i loro genitori- prosegue lo psicoterapeuta- quindi, probabilmente, per tutti i bambini che ieri avevano 7 anni compiuti non è stata una grande novità. Ma per quelli prescolari la frase ‘E comunque Babbo natale non esiste’ è diventata un ‘piccolo problema’. A 5 anni si ha ancora l’età giusta per credere a Babbo Natale”.

Castelbianco consiglia: “I genitori potranno dire che chi ha detto che Babbo Natale non esiste era invidioso, perché lui è grande e la Befana gli porterà solo carbone. In effetti però- aggiunge lo psicologo- abbiamo sempre lo stesso problema: gli adulti devono imparare a cogliere il limite, a capire quando è opportuno o meno dire a un bambino la verità. Fino a 6 anni e mezzo i bambini possono crederci, o iniziare a nutrire qualche dubbio, invece- spiega lo psicoterapeuta- è possibile iniziarne a parlare in classe, subito dopo l’Epifania, con i bambini di 7 anni”.

In conclusione, per Castelbianco, la frase pronunciata ieri non è stata “una battuta di spirito da parte del direttore, ma piuttosto un moto di stizza: la sua attività professionale è stata disturbata nell’esecuzione. È umanamente comprensibile, altrimenti sarebbe un non sapere cosa gli esce dalla bocca. E quest’ultima ipotesi sarebbe ancora peggiore- conclude- indicherebbe una superficialità tale da far dubitare del suo equilibrio”.

di Rachele Bombace, giornalista pofessionista

LEGGI ANCHE “Babbo Natale non esiste”, licenziato il direttore di orchestra di Frozen

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»