Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Con altri occhi’, ecco la mostra sulle mutilazioni genitali femminili in Kenya

Presentata in Fondazione Feltrinelli a Milano la mostra di Amref 'Con altri occhi. L'Africa che guarda al futuro'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Ho visto uomini femministi” in Kenya “combattere contro le mutilazioni genitali femminili” e “la loro collaborazione mi ha colpito”, sono “molti” quelli che “girano i villaggi per parlarne”. Inizia così Fiorella Mannoia a raccontare il suo viaggio “nei villaggi remoti” e nelle scuole rifugio del Kenya che accolgono le ragazze “non tagliate”, cioé quelle giovani donne scampate alle mutilazioni genitali femminili.

Un viaggio fatto due anni fa con Amref (la più grande organizzazione africana che si occupa di salute in Africa) di cui la cantante è stata testimone e narratrice in modo inedito attraverso una serie di scatti fotografici che sono diventati poi anche una mostra virtuale. La versione fisica, allestita a Milano, invece, è stata presentata ieri sera in Fondazione Feltrinelli. ‘Con altri occhi. L’Africa che guarda al futuro’ ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano e della Rai Per il sociale ed è stato realizzato con il contributo di Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Fujifilm Italia.

“Attraverso la mia passione per la fotografia ho cercato di cogliere gli sguardi di un’Africa che prova a voltare pagina“, continua la Mannoia che non dimentica “i visi, pieni di gratitudine, delle ragazze che sono scampate, chi fuggite chi accolte, da questa tradizione tremenda e barbara che ancora si perpetra a tante latitudini”.

Secondo dati Amref sono 200 milioni le donne e le bambine nel mondo che ancora vengono sottoposte a tale pratica. Tre milioni le minori a rischio ogni anno. In Europa 600.000 donne e ragazze hanno subito le Mgf, mentre in Italia sono circa 87.000 donne di cui 7.600 minorenni, uno dei dati più elevati in Europa. Se questi sono i numeri “il cambiamento richiede tempo ed è lento”, aggiunge Mannoia, a maggior ragione perché sono “pratiche millenarie” e quindi “non si può pensare di risolvere questo problema in un battito di ciglia”.

Ma ancora più sbagliato è pensare “da occidentale” di “andare in Africa” e “spiegare loro come si fa”. Al contrario, avverte la cantante che di Amref è testimonial di lungo corso, bisogna inserirsi “in punta di piedi” ed è per questo che “sto con Amref”: perché l’organizzazione umanitaria che da vent’anni si occupa di prevenzione ed empowerment locale “lavora con l’Africa, non per”, “forma e se ne va, poi sta alla popolazione”.

Quello che serve, conclude allora Mannoia, è “cambiare la mentalità dei capi villaggio” magari facendo leva “se non si riesce sul diritto almeno sulla convenienza”: il cambiamento può essere innescato se si fa capire che una ragazza “non tagliata”, dunque libera dal vincolo di una precocissima vita matrimoniale, sana, istruita e occupabile, “può diventare una risorsa per tutta la comunità”.

Simbolo di questo impegno è la giovane masai Nice Leng’ete, attivista keniota per i diritti umani e ambasciatrice nel mondo di Amref. Per il Time (2018) è stata una delle 100 donne più influenti al mondo avendo salvato più di 20mila bambine dalle Mgf e dai matrimoni forzati da Kenya e Tanzania. In fondazione Feltrinelli ha raccontato il suo impegno che è tutto raccolto nel libro autobiografico ‘Sangue’ (Piemme).

“È calzante- si legge nelle primissime pagine- che mi abbiano dato il nome di un albero, perché fu proprio un albero a salvarmi quando fuggii dalle Mgf. Se quell’albero non mi avesse offerto riparo, la mia famiglia mi avrebbe asportato il clitoride. Avrei rischiato di morire, ma se anche fossi sopravvissuta gran parte di me sarebbe morta comunque. Ero appena una bambina, ma dopo il taglio sarei stata considerata una donna adulta e mi avrebbero data in moglie a un uomo più vecchio. Avrei dovuto rinunciare alla scuola. Mi sarei sfiancata di lavoro occupandomi di mio marito e dei bambini. Invece, grazie a quell’albero, ho ramificato in tutt’altra direzione. Fu quell’albero a darmi la vita che ho oggi, una vita che mio padre non avrebbe mai potuto immaginare quando, tenendomi in braccio, mi chiamò Nice”.

Sul punto si sofferma in chiusura anche Paola Crestani, presidente di Amref Italia: “Le mutilazioni genitali femminili- ricorda- non rappresentano solo un brutale taglio ai diritti di milioni di donne”, sono invece “una autentica ferita al cuore dell’umanità”, una ferita che, però, “si può e si deve curare. Di più: si può prevenire”.

La mostra virtuale ‘Con altri occhi’ è un progetto speciale, un viaggio interattivo, per sensibilizzare sul tema del contrasto e prevenzione alle Mgf e sugli strumenti efficaci per combatterle, in Africa e in Italia. All’evento di presentazione sono intervenuti anche l’attivista e presidente dell’associazione ‘Ameb Mother & Child care’ Edna Moallin Abdirahman, l’attivista e vicepresidente dell’associazione ‘Le Reseau’ Mehret Tewolde, l’assessore al Welfare di Milano Lamberto Bertolè, la consigliera meneghina a capo della commissione Pari opportunità e Diritti civili Diana De Marchi, il portavoce dei Sentinelli di Milano (che volò in Africa con Amref insieme alla Mannoia), Luca Paladini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»