Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Campione del mondo di snooker si addormenta mentre gioca: è colpa del Long Covid

biliardo pixabay
Mark Williams, tre volte campione del mondo, si è addormentato durante una partita del caminato del Regno Unito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mark Williams è una leggenda dello snooker, una specialità di biliardo molto diffusa soprattutto nel Regno Unito, ha già vinto tre volte la Coppa del Mondo. E si è addormentato nel bel mezzo di una partita del campionato del Regno Unito. Colpa del cosiddetto “long Covid”, le conseguenze a lungo termine della malattia. “La mia testa si è abbassata e mi sono svegliato senza avere idea di dove fossi, per circa cinque secondi”, ha detto Williams dopo la sconfitta per 5-6 contro Anthony Hamilton al Barbican di York. Williams ha contratto il Covid ad ottobre. Era seduto sulla sua sedia e conduceva per 3-2 quando si è addormentato accidentalmente. “Voglio scusarmi con tutti quelli che hanno assistito alla partita. In 30 anni da professionista, non mi ero mai addormentato prima. Non ha niente a che fare con Anthony, non mi sono ancora del tutto ripreso dal Covid. È stato un po’ imbarazzante e non professionale”, ha twittato Williams. “Dovrei giocare la mattina o il pomeriggio. Più lunga è la giornata, più mi stanco“, ha detto Williams. 

LEGGI ANCHE: Long Covid, i sintomi principali sono diarrea e astenia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»