Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Se lo sport si ferma il contatto con i bambini non si interrompe

Anche in questa nuova fase Sport Senza Frontiere si impegna a garantire alle famiglie fragili attività sportiva e supporto socio-economico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “All’indomani dell’ultimo dpcm ci siamo messi immediatamente al lavoro per studiare nuove vie per non perdere il contatto con i nostri ragazzi e fargli proseguire, anche se in forme diverse e più limitate, l’attività sportiva”. Queste le parole di Alessandro Tappa, presidente di Sport Senza Frontiere, la onlus che da più di nove anni opera nelle aree periferiche a maggior rischio delle grandi metropoli italiane.

Se in tempi “normali” i ragazzi venivano inseriti in programmi sportivi regolarmente svolti più volte a settimana, quindi prelevati presso il proprio domicilio e seguiti dal punto di vista psico-sanitario attraverso visite mediche periodiche, oggi quel che si cerca di fare è attivare percorsi alternativi per non lasciarli soli e mantenerli in contatto con gli operatori e gli educatori, evitando così l’acutizzarsi dei fenomeni di isolamento sociale.

“Abbiamo spostato i bambini che frequentavano piscine o altri sport non praticabili, su attività consentite all’aperto – continua Tappa – Le società sportive della nostra rete solidale stanno cambiando la tipologia di allenamento e abbiamo attivato piccoli gruppi di addestramento individuale. Al momento sono oltre 60 quelli che hanno ripreso a fare sport. Ovviamente a Milano e Bergamo le difficoltà sono maggiori, ed è lì che abbiamo ulteriormente rafforzato l’intervento dei nostri psicologi per contenere ansie e paure e far sentire la nostra costante vicinanza”.
Le famiglie tra Roma, Napoli, Milano, Torino, Bergamo e Trento di cui SSF si occupa – e i relativi 400 bambini – provengono dai settori più fragili della popolazione e molte di loro in questo momento, di nuove chiusure, sperimentano ulteriori difficoltà di accesso al sistema scolastico e ai presidi sociali, anche per problemi di tipo socio-economico.

Sono riprese, quindi, le attività da remoto, o di distribuzione, che per tutto il periodo del primo lockdown hanno visto Sport Senza Frontiere in prima linea.
“Da qualche settimana – ha aggiuntoTappa – garantiamo attività di aiuto compiti e ripetizioni per i beneficiari con tutor di progetto e volontari, sostegno psicologico alla genitorialità e counseling psicologico ai ragazzi. Abbiamo attivato Laboratori webinar di educazione alimentare, con il supporto del Dipartimento di Biomedicina di Roma-Tor Vergata, e Laboratori webinar di educazione digitale. Ma stiamo facendo di tutto per aprire Laboratori creativi, da realizzare all’aperto, negli spazi messi a disposizione dalle Associazioni Sportive della nostra rete solidale, finalizzati all’attivazione delle emozioni e alla loro consapevolezza”.
Continua, inoltre, la consegna di beni di prima necessità (alimenti, presidi sanitari) e di materiale didattico alle famiglie SSF più disagiate. In particolare, grazie al progetto WINDTRE “La cartella sospesa”, è stato consegnato tutto il materiale didattico necessario a 130 bambini della scuola primaria e 116 bambini della scuola media. A Roma è stata attivata l’Educativa domiciliare: i tutor si recano presso le mura domestiche dei beneficiari e, in una situazione intima di ascolto, viene suggellato il Patto educativo con le famiglie. 

Maggiori info al sito sportsenzafrontiere.it.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»