Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mes, Conte: “Non andremo a casa, spazzeremo via tutte le fesserie che sono state dette”

“Nessuna battaglia è una informativa doverosa al Parlamento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Come sapete la sovranità appartiene al popolo, i parlamentari rappresentano il popolo. Quindi, dopodomani mi confronterò, informerò”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte da Monte Sant’Angelo (Foggia), dove partecipa alla cerimonia inaugurale dello stabilimento Sisecam Flat Group, parlando con alcuni cronisti dell’informativa che lunedì terrà in Parlamento sul Mes. “Nessuna battaglia- dice Conte- è una informativa doverosa al Parlamento da parte del presidente del Consiglio che ogni volta che è stato chiamato, ogni volta che ha avuto e avrà la possibilità di informare, dialogare con i membri del Parlamento”, lo farà, “mi è stato richiesto e sarà sempre così. Il presidente del Consiglio quando c’è da chiarire, da dialogare, quando c’è da informare il Parlamento ci sarà sempre”.

LEGGI ANCHE

Di Maio: “Non possiamo firmare il Mes al buio”. Calenda: “Indegno lo scaricabarile fra lui e Salvini”

CONTE: “NON ANDREMO A CASA, OFFRIAMO FUTURO CREDIBILE A PAESE”

“No”. Così, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, risponde ai giornalisti che gli chiedono se sul Mes, il fondo salva Stati, il Governo possa cadere. Conte è a Candela, in provincia di Foggia, per ricevere la cittadinanza onoraria del paese in cui ha trascorso l’infanzia. “Ogni volta, a ogni passaggio un po’ delicato si ragiona sempre del rischio del Governo- dice- Questo Governo andrà avanti per un motivo semplice: perché il Paese ha tante urgenze, ha tanti problemi anche strutturali da risolvere”. Noi, prosegue il presidente del Consiglio, “offriamo delle risposte concrete. Lo abbiamo già dimostrato e lo stiamo dimostrando con questa manovra, finanziaria ed economica. E ancor di più lo dimostreremo appena l’avremo approvata con un piano di riforme strutturali e con un cronoprogramma serrato, molto impegnativo al quale lavoreremo con tutte le nostre forze dalla mattina alla sera”. Noi, conclude Conte, “offriamo un progetto politico, un futuro sostenibile e credibile a questo Paese. È per questo che non andremo a casa”.

CONTE: “SPAZZEREMO VIA TUTTE LE FESSERIE CHE SONO STATE DETTE”

“Dovete avere un po’ di pazienza, lunedì passerò in Parlamento e metteremo tutti i tasselli al loro posto e inizieremo a spazzare via tutte le fesserie che sono state dette, ne ho ascoltate tante. Sono molto paziente ma, il momento in cui dovremo spazzare via le chiacchiere che sono state fatte, sarà lunedì”. Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, da Candela, in provincia di Foggia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»