Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Miss Environment’, 11 anni e una missione: Lagos pulita

L’ultimo servizio su di lei lo ha realizzato questa settimana l’emittente inglese ‘Bbc’, a conferma di una popolarità ormai internazionale.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – Video tutorial, foto su Instagram, post social e un solo obiettivo: ripulire Lagos, megalopoli nigeriana alle prese ogni giorno con sfide ambientali e sociali. È la missione di Misimi Isimi, una ragazzina di 11 anni che alla stampa si presenta come “Miss Environment”.

L’ultimo servizio su di lei lo ha realizzato questa settimana l’emittente inglese ‘Bbc’, a conferma di una popolarità ormai internazIonale.
A parlare di “missione” è Misimi stessa. “Voglio salvare Lagos dai rifiuti” ha detto la ragazzina. “Alcuni adulti non sono né ambientalisti né responsabili”.
Secondo Misimi, che nella sua scuola è presidente dell”Eco Kids Green Club’ ed è stata insignita del premio nazionale “Miglior studente per la campagna ambientale”, bisogna informare e sensibilizzare già dalla prima infanzia.
“Mi piace insegnare ai più piccoli” ha detto la ragazzina: “Così cresceranno più consapevoli, potranno prendersi cura dell’ambiente ed essere più responsabili”.
Secondo Misimi, alla fin dei conti i rifiuti sono un’opportunità: “Semplicemente non esistono, perché tutto può essere riutilizzato o riciclato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»