Manovra, Salvini: “Il 2,4% non è mica scritto sulla Bibbia”

“Io non sono mica un bombarolo, a maggio dopo le elezioni si va in Europa in forza per cambiarla da dentro”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – “Sono convinto che l’accordo con l’Europa lo troveremo. Il 2,4%? Non è mica scritto nei 10 comandamenti della Bibbia”. Lo dice il vicepremier Matteo Salvini, ospite di Porta a porta.

UE, SALVINI: “NON SONO UN BOMBAROLO, VOGLIO CAMBIARLA DA DENTRO”

“Io non sono mica un bombarolo, a maggio dopo le elezioni si va in Europa in forza per cambiarla da dentro”.

MIGRANTI, SALVINI: “ITALIA NON ACCOGLIE CHI SCAPPA DA CALDO O FREDDO”

Il Global compact “mette nello stesso pentolone tutti gli immigrati, mentre un conto sono quelli che scappano dalla guerra e un conto è chi scappa per mille e uno motivi, come i migranti climatici. Non è che se hai caldo o freddo ti posso mantenere in un albergo in Italia”.

RIACE, SALVINI: “RIPOPOLARE CALABRIA CON CALABRESI, NON CON AFRICANI”

“A Riace è stato arrestato il sindaco. È surreale che un paese abbia bisogno dei migranti per ripopolarsi. Se fossi un amministratore mi interrogherei perché tanti ragazzi calabresi vanno via, vanno a cercare lavoro in Germania”. Così il vicepremier Matteo Salvini, ospite di ‘Porta a porta’, torna a parlare di Mimmo Lucano. “Non posso ripopolare la Calabria, la Sardegna o il Trentino con i migranti pagati coi soldi degli italiani. Questo governo- aggiunge- aiuterà Riace a ripopolarsi con i calabresi, non prendendo pezzi di Africa e portandoli in Italia”.

TAV, SALVINI: “IO PREFERISCO ANDARE AVANTI”

“Sulla Tav io preferisco andare avanti invece che andare indietro. Nel contratto di governo pero’ e’ previsto che bisognerà aspettare l’analisi costi-benefici e la stiamo facendo. Cert,o se ho fatto un buco nella montagna preferisco completarlo e farci passare i treni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»